Allarme legalità, il Viminale avverte i prefetti: rischio gravi tensioni

“Agevolare la ripresa del sistema economico, contenere e prevenire manifestazioni di disagio sociale, tutela dell’economia legale”. Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in una direttiva “dà massimo impulso all’attività dei prefetti sul territorio per fronteggiare l’emergenza Covid-19”.

“Alle difficoltà delle imprese e del mondo del lavoro – aggiunge – potrebbero accompagnarsi gravi tensioni a cui possono fare eco, da un lato, la recrudescenza di tipologie di delittuosità comune e il manifestarsi di focolai di espressione estremistica, dall’altro, il rischio che nelle pieghe dei nuovi bisogni si annidino perniciose opportunità per le organizzazioni criminali. Particolare attenzione alle categorie più deboli con l’invito ad effettuare un attento monitoraggio dell’andamento delle misure di sostegno al bisogno di liquidità delle famiglie e delle imprese adottate dal Governo”.

Un’azione che, secondo Lamorgese, “deve svolgersi uniformemente sul territorio nazionale per contenere la diffusione di quei fenomeni criminali che costituiscono una grave minaccia al tessuto dell’economia legale”.

Per il ministro “risulta fondamentale anche un’attenta ed accurata valutazione di tutti i possibili indicatori di rischio di condizionamento dei processi decisionali pubblici funzionali all’assegnazione degli appalti”.

“Un impegno corale – conclude Lamorgese – per garantire i fondamentali livelli di legalità e sicurezza necessari per far ripartire il nostro Paese”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: