ArticoloUno: “si chiudano tutti i partiti e movimenti che violando la Costituzione richiamano al fascismo”

ArticoloUno: “si chiudano tutti i partiti e movimenti che violando la Costituzione richiamano al fascismo”

“Perché quello è il nostro posto. E lo sarà sempre” – dichiara Pippo Zappulla segretario regionale di ArticoloUno.

“Vogliamo ribadire ancora una volta – afferma Zappulla  che la situazione non è calma e tranquilla, che l’assalto alla sede del più grande sindacato italiano è purtroppo la cronaca di un disastro annunciato. Per troppi anni si è considerato il neofascismo qualcosa di più di una semplice escrescenza folcloristica, un vezzo   di quattro nostalgici tutto sommato innocui e marginali. Non è mai stato così: negli ultimi venti anni sono cresciuti i loro luoghi di reclutamento della militanza, i loro centri di elaborazione politica e culturale, i loro circuiti di finanziamento legali e soprattutto illegali”. 

“Si colpisce la Cgil perché si è voluto colpire uno dei simboli del lavoro, della lotta, del progresso e poi per lanciare un messaggio semplice e terribile allo steso tempio: possiamo fare qualsiasi cosa, possiamo arrivare indisturbati e impuniti dappertutto, dovete avere paura di noi. Ne hanno arrestati dodici: serve la repressione, serve la legge, ma serve anche la politica” – dichiara Pippo Zappulla.

“E’ necessario che la più bella Costituzione del mondo dice Zappulla –  quella fondata dai valori della resistenza e dell’antifascismo venga applicata: tutti i partiti, i movimenti che si rifanno al fascismo con gesti, parole e atti facendo apologia vadano chiusi”. 

“I partiti che hanno legittimato, foraggiato, che hanno aperto le loro manifestazioni e liste ad esponenti di questi partiti prendano atto e decidano da che parte stare. Basta furbizie e giochetti dialettici: quanto accaduto strumentalizza i no vax e i no green pass ed è squadrismo con una matrice fascista chiarissima. Nei prossimi giorni in Parlamento si discuterà la mozione per chiudere Forza Nuova e ribadire che il 25 aprile è la festa di tutti. Salvini e la Meloni dovranno decidere da che lato della barricata si collocano ed essere finalmente conseguenti. Perché – conclude il segretario regionale di ArticoloUuno l’assalto alla sede della Cgil è uno spartiacque per tutti, soprattutto per loro”.   

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: