La Giunta comunale di Augusta, con la delibera n. 219 del 20 settembre, ha approvato l’accordo di programma per la realizzazione dei lavori di ripristino strutturale del viadotto “Federico II”. Detti lavori, finanziati con i fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), rientrano in una serie di interventi infrastrutturali da effettuare nelle aree Zes (Zone economiche speciali) della Sicilia orientale.

Con il Decreto n. 492 del 03/12/2021, infatti, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (MIMS) ha disposto il finanziamento delle opere “Accessibilità al Porto di Augusta – Messa in sicurezza opere d’arte a servizio dell’accesso al porto e realizzazione terza via di collegamento tra i comprensori portuali dell’isola e la terra ferma, nell’ambito della programmazione del Pnrr, misura M5C3-11 – investimento 4 “Interventi infrastrutturali per le Zes”.

L’intervento così finanziato inerisce gli interventi di “collegamento di “ultimo miglio”, volto a realizzare efficaci collegamenti tra le aree portuali ed industriali e la rete infrastrutturale ferroviaria e stradale facente parte delle reti di trasporto principali”, per un importo complessivo di 26,208 milioni di euro. Il soggetto attuatore designato dal Ministero è l’AdSP (Autorità di Sistema Portuale) della Sicilia Orientale.

Sono previsti i tre seguenti interventi:

  1. La manutenzione straordinaria della via di collegamento tra il Porto Commerciale di Augusta e l’area cantieristica di Punta Cugno fino alla radice del Pontile Consortile del Porto di Augusta. L’infrastruttura è di proprietà del Libero Consorzio Comunale di Siracusa;
  2. Il ripristino strutturale del viadotto “Federico II” del Comune di Augusta;
  3. La realizzazione del raccordo logistico tra i sedimi militari e la comunità cittadina di Augusta nonché alla logistica portuale delle aree Zes del Porto di Augusta.

L’intervento ricade in quota parte nel perimetro di giurisdizione dell’AdSP, del Comune di Augusta e della Marina Militare Italiana. Il progetto di quest’ultimo intervento (terzo ponte di collegamento tra l’isola di Augusta e la terraferma) è stato presentato lo scorso martedì nel salone di rappresentanza del palazzo municipale. La spesa per i primi due interventi ammonterà a 7 milioni di euro mentre quella per il terzo intervento sarà di 19 milioni di euro.

Al fine di attuare l’intervento di “Ripristino strutturale del viadotto Federico II del Comune di Augusta”, entro i termini stabiliti dalla programmazione del Pnrr, sono state avviate delle interlocuzioni tra l’AdSP, il Comune di Augusta e la Regione Siciliana per formalizzare un accordo di collaborazione tra le amministrazioni. I suddetti Enti hanno individuato in un accordo di programma lo strumento più idoneo a definire le modalità operative e le tempistiche di finalizzazione degli atti e degli interventi necessari che ciascuna di esse, per le rispettive competenze.

I lavori inerenti il viadotto “Federico II” e gli altri due interventi dovrebbero prendere il via entro il 2023 ed essere ultimati per la fine del 2026 come prevedono i termini definiti nella programmazione nazionale del Pnrr.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: