Autostrade siciliane, personale in sciopero da stamane sino a martedì

Un’azione di sciopero del personale delle autostrade siciliane è scattata stamane e si protrarrà per cinque giorni fino al 26 ottobre.

A proclamarla sono state le segreterie provinciali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Sla Cisal che dopo l’incontro svoltosi ieri con i vertici del Consorzio hanno confermato la protesta reputando “insufficienti le rassicurazioni presentate al tavolo di confronto dalla parte datoriale”.

“Abbiamo apprezzato il tentativo del Cda del Cas di evitare la protesta convocandoci – affermano i sindacati in una nota congiunta – fornendo la disponibilità a proseguire nel percorso intrapreso per l’applicazione del contratto nazionale delle autostrade e trafori al personale ed anche le garanzie che l’assessorato regionale ha voluto inviare con una missiva sull’imminente approvazione in giunta regionale delle delibere necessarie.

Dobbiamo però evidenziare – aggiungono – come siano emerse incomprensibili e ingiustificabili interpretazioni e contraddizioni procedurali tra i consulenti ed il Cda da un lato e i Direttori generale e amministrativo dello stesso Consorzio dall’altro, allorquando il sindacato chiedeva la concreta applicazione economica e normativa del contratto nazionale e le giuste decorrenze delle stesse come da diritto acquisito dei lavoratori.

Giunge notizia – sottolineano i sindacati – che in queste ore la Giunta Regionale a Palermo debba procedere all’approvazione degli atti necessari affinché il Consorzio possa procedere al riconoscimento del contratto ai lavoratori, ma restano tuttavia aperte le questioni relative alla pianta organica, al piano industriale, alle assunzioni e agli arretrati economici maturati dai dipendenti.

Autostrade siciliane. I sindacati: "Violati i diritti dei lavoratori",  confermate cinque giornate di sciopero dal primo ottobre | l'Eco del Sud

La protesta pertanto viene confermata vista la mancanza di fatti concreti che diano garanzie sulla risoluzione delle problematiche alla base dello sciopero – concludono i sindacati – e giunge dopo una prima azione di sciopero, sempre di cinque giorni, costato al Consorzio circa 300 mila euro in termini di mancato incasso. Restiamo attenti ad eventuali sviluppi attesi dalla Giunta Regionale e già il prossimo martedì è previsto un nuovo confronto tra sindacati e Consorzio”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: