Percepire un assegno sociale mensile fino a 468,10 euro, corsi di formazione gratuiti. E’ tutto questo il contenuto del bonus rivolto per che si occupa a tempo pieno delle faccende di casa. Arriva dall’Inps il bonus casalinghe 2022, che mette a disposizione per l’anno in corso un fondo a sostegno di chi si occupa della casa e della famiglia a tempo pieno e si trova sotto una determinata soglia di reddito.

Ecco in cosa consiste il bonus casalinghe 2022, gli importi, i corsi di formazione gratuiti, chi può richiederlo e come

Cos’è il bonus casalinghe, non solo per le donne

Il bonus casalinghe è un assegno sociale riconosciuto dall’Inps a donne e uomini con più di 67 anni, che non hanno mai avuto altra occupazione, che non hanno versato contributi previdenziali e che non possono fare affidamento su un assegno pensionistico.

Fino a 468 euro al mese

L’assegno ha importi variabili in base al reddito familiare. Il tetto massimo è comunque di 468,10 euro al mese per chi non ha nessun tipo di entrata, ossia un totale di 6.085,30 euro all’anno divisi in 13 mensilità.

Come si ottiene il bonus casalinga?

Il primo requisito, come già accennato sopra, è l’età: occorre avere più di 67 anni. Altre condizioni riguardano la condizione economica. Possono fare richiesta infatti coloro che non superano i 6.085,30 euro annui, per chi vive da solo, e di 12.170,60 euro se coniugato. Il richiedente deve possedere la cittadinanza italiana o di un Paese europeo (anche extracomunitaria, se in possesso di un permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo) e deve risultare residente stabilmente in Italia da almeno 10 anni.

La domanda online, cosa serve

La domanda per richiedere il bonus casalinghe 2022 può essere presentata tramite il sito web dell’Inps, se il beneficiario è in possesso del PIN per l’accesso ai servizi telematici, dello SPID, della carta d’identità elettronica Cie o della CNS (carta nazionale dei servizi). Per inoltrare la richiesta all’interno del portale si deve accedere all’area Servizi per il cittadino. Oppure è possibile chiamare il call center dell’Inps al numero 803.164 o allo 06.164.164 per le utenze mobili. Oppure ancora, è possibile rivolgersi a un patronato.

.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: