Bonus Sicilia, luci e ombre sulla misura di sostegno varata dal Governo, Giovanni Cafeo: “Strumento utile, ma necessarie alcune correzioni”

Bonus Sicilia: “quasi impossibile richiedere il fondo perduto per danni da  Covid-19” -

“Il Bonus Sicilia rappresenta sulla carta uno strumento utile per il sostegno alle attività imprenditoriali che maggiormente hanno subito perdite durante il <<lockdown>>, tuttavia è auspicabile un intervento correttivo che renda il provvedimento più equo ma soprattutto non soggetto a eventuali ricorsi da parte degli esclusi”.
Lo dichiara Giovanni Cafeo, parlamentare regionale di Italia Viva e Segretario della III Commissione
ARS Attività Produttive.
“La natura totalmente digitale del bando nonché la necessità di impegnare le somme entro dicembre 2020
ha imposto come metodo di presentazione il famigerato ‘click day’, una soluzione non amata ma – spiega
Cafeo – in questo caso necessaria”.
“Anche le polemiche attorno alla richiesta del Durc per la partecipazione al bando con le relative
tempistiche dilatate per l’ottenimento della dichiarazione di regolarità contributiva da parte dell’INPS sono
oggi ampiamente superabili – prosegue Cafeo – perché per l’accesso al contributo basta presentare la sola
richiesta del Durc e dimostrare successivamente di essere in regola, nel momento dell’erogazione
effettiva”.
“Al di là della dotazione finanziaria che appare evidentemente insufficiente alla richiesta, quello che desta
maggiore preoccupazione in questo provvedimento è la possibilità di offrire il fianco ad eventuali ricorsi che
potrebbero bloccare del tutto l’erogazione dei fondi – continua Giovanni Cafeo – a cominciare da tutte
quelle aziende, con relativi codici ATECO, che pur non essendo formalmente coinvolte nella chiusura totale,
di fatto non hanno potuto esercitare la loro attività, basti pensare ai centri di revisione dei veicoli, aperti
sulla carta ma inutilmente, vista la proroga per la scadenza delle revisioni estesa a tutti”.
“In questo contesto, invitiamo l’assessore Turano a rivedere tutte le situazioni che possono mettere a
rischio la tenuta del bando, se necessario optando per una breve proroga, tenuto conto degli impegni di
spesa – conclude il parlamentare di Italia Viva – concordando inoltre con le associazioni di categoria l’allargamento dei codici ATECO titolati a presentare la richiesta, eliminando così all’origine ogni possibilità di ricorso”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: