Brucoli, i CC del NAS controllano il territorio: una denuncia e numerose sanzioni

Nell’ambito di specifici servizi di controllo del territorio, predisposti nella frazione di Brucoli a seguito di segnalazioni effettuate dai cittadini, riguardanti soprattutto la massiccia concentrazione di diportisti indisciplinati, venivano predisposti, con l’ausilio dei militari del NAS di Ragusa e dell’unità navale di Augusta, mirati servizi finalizzati al controllo della circolazione stradale nonché al contrasto dei reati predatori e del fenomeno della guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e stupefacenti, nel corso dei quali  i carabinieri della Compagnia di Augusta  deferivano in stato di libertà una donna di 36 anni,  per “guida in stato di ebbrezza alcolica” sorpresa alla guida del proprio veicolo sotto l’effetto di sostanze alcoliche con un tasso alcolemico superiore a 0,8mg/l.

Sempre nel corso del medesimo servizio, in cui sono state impiegate 16 pattuglie (complessivi 32 militari), venivano altresì: – effettuate  nr. 18 perquisizioni personali; – controllate nr. 210  persone e 92 automezzi; – effettuati 32 controlli con precursori etilometrici; –  elevate nr. 14 contravvenzioni al Codice della Strada e sequestrati due veicoli ai sensi dell’art. 193/2, risultati privi di copertura assicurativa; – ritirate nr. 2 patenti di guida in violazione dell’art. 186 C.d.S., per giuda in stato di ebbrezza; – controllati 2 esercizi pubblici.

Inoltre, sono state segnalate alla Prefettura di Siracusa, ai sensi dell’art.75 del DPR 309/90, tre giovani,  trovati in possesso di 5 grammi di sostanza stupefacente di tipo “marijuana” destinata al consumo personale.

Mentre i carabinieri dell’unità navale elevavano a carico di alcuni diportisti una serie di violazioni tra cui la mancanza della copertura assicurativa nonché dei documenti attinenti la navigazione dell’unità che hanno comportato sanzioni amministrative per un totale di 341,00 euro, i militari  del NAS  di Ragusa, con l’ausilio dei carabinieri della Stazione CC di Augusta, nel corso dei controlli eseguiti all’interno dei locali pubblici, elevavano ad un ristorante, una sanzione amministrativa per un importo pari a 2000,00 euro poiché risultavano che i cibi non erano mantenuti nelle condizioni di garantirne la salubrità.

 

 

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: