Tre comunità in festa ieri sera a Canicattini Bagni per l’insediamento alla guida della Chiesa Madre “Santa Maria degli Angeli e San Michele” del nuovo Parroco, il quarentenne Don Marco Ramondetta che succede a Don Sebastiano Ferla, 80 anni, che per limiti d’età ha lasciato, con l’ultima S. Messa di domenica, l’Ufficio di Parroco dopo quasi 50 anni di Servizio Pastorale in città.

Una grande festa alla quale hanno preso parte le due Comunità parrocchiali di Canicattini Bagni, “Santa Maria degli Angeli” e “Maria SS Ausiliatrice, quest’ultima guidata da Don Maurizio Casella, con il Sindaco Paolo Amenta, la Presidente del Consiglio comunale Loretta Barbagallo, l’Amministrazione e il Consiglio comunale, il Comandante della Stazione dei Carabinieri M.llo Sebastiano Pappalardo, il Comandante della Polizia Municipale Giuseppe Casella, le realtà associative cittadine, gli Scout e tanti cittadini.

Insieme a loro anche la Comunità parrocchiale della Chiesa Madre di Buccheri, dove Don Marco è stato Parroco negli ultimi quattro anni prima di essere assegnato a Canicattini Bagni, con il Sindaco Alessandro Caiazzo e gli Amministratori cittadini, e la Comunità della Parrocchia di Sant’Antonio di Padova di Siracusa con il Parroco Mons. Michele Giansiracusa e il Vicario Don Salvo Tanasi, dove il nuovo Parroco della Chiesa Madre di Canicattini Bagni è cresciuto facendo il cammino Scout che poi l’ha condotto alla vocazione sacerdotale.

Tutta la Comunità ecclesiale diocesana con l’Arcivescovo di Siracusa Mons. Francesco Lomanto e i confratelli Sacerdoti, in particolare quelli di origine canicattinese, ieri sera si sono stretti a Don Marco Ramondetta accompagnandolo nel nuovo percorso Pastorale a Canicattini Bagni.

Ad accogliere il nuovo Parroco e l’Arcivescovo Mons. Lomanto in Piazza XX Settembre con in testa la Banda musicale della città diretta dal M° Sebastiano Liistro, c’erano, pertanto, i Sindaci Paolo Amenta e Alessandro Caizzo, le Autorità cittadine e militari, e quella nuova Comunità che Don Marco guiderà nella Fede.

A fare gli onori di casa, in una Chiesa Madre gremita come nelle grandi occasioni di festa, e a dare il benvenuto a tutti i presenti e a Don Marco a nome di tutta la città di Canicattini Bagni, è stato, prima della celebrazione Eucaristica concelebrata dall’Arcivescovo e animata dai due Cori delle due Parrocchie cittadine, è stato il Sindaco Paolo Amenta.

«Saluto Sua Eccellenza l’Arcivescovo Mons. Francesco Lomanto, i Sacerdoti presenti, gli Ospiti degli altri Comuni, tutti i miei Concittadini e naturalmente lei Don Marco Ramondetta – ha esordito il Sindaco Amenta -. A lei che si accinge ad assumere il delicato e prezioso incarico di Parroco della nostra Chiesa Madre, di Pastore e di Guida spirituale della nostra Comunità, porto i saluti dell’Amministrazione, del Consiglio comunale e di tutti i Canicattinesi.

Carissimo Don Marco, nelle piccole Comunità il Parroco, il Sindaco, il Medico e il Comandante dei Carabinieri, rimangono ancora un grande punto di riferimento. Per questo auspico di poter intraprendere con lei un dialogo costruttivo e una lunga e fattiva collaborazione per il bene della nostra Canicattini Bagni. Vorrei incontrarla spesso, auspicando che la sua presenza diventi parte attiva nella nostra città, in particolare, vista la sua giovane età, con le fasce giovanili che più di altri hanno la necessità di apprendere e seguire sani valori, e manifestano il bisogno e la voglia di aggregazione e di discussione, che sono gli elementi principali per la buona crescita.

L’arrivo di un nuovo Pastore in una Comunità – ha detto tra l’altro Il Sindaco – è motivo di sentimenti positivi e di speranza. La nostra Parrocchia e tutta Canicattini Bagni oggi sono in festa per suo arrivo Don Marco, e di questo ringraziamo Sua Eccellenza il nostro Arcivescovo, e l’augurio è che possa trasformarsi, così com’è stato in tanti anni quello di chi l’ha preceduto in questo prestigioso incarico, Don Sebastiano Ferla di cui eredita la Guida spirituale di questa Parrocchia, e Don Maurizio Casella, in uno stimolo forte per obiettivi comuni nell’interesse di tutta la Comunità canicattinese. Un augurio che le facciamo e ci facciamo con tutto il cuore. Benvenuto tra noi Don Marco».

Un auspicio che il nuovo Parroco ha fatto suo, rafforzando l’interesse per la Comunità, accogliendo l’invito del Sindaco di un dialogo e collaborazione fattiva «nel rispetto dei rispettivi ruoli e delle diverse funzioni nell’interesse dell’intera Comunità».

«L’arrivo di un nuovo Parroco – ha sottolineato Don Marco Ramondetta nel suo lungo intervento di ringraziamenti e prospettive future nella Fede – è vero, crea, in grandi e piccini, sempre nuove aspettative, e riconsegna a tutti i legami di appartenenza alla Comunità. Ma prima di partire dai tanti bisogni che incontreremo nel nostro cammino, è necessario avere la consapevolezza di essere Comunità. Bisogna prima di ogni cosa avere il coraggio di sedersi tutti attorno allo stesso tavolo, o meglio, alla stessa mensa, per rafforzare in noi la forza della Grazia. Il cammino di oggi non nasce dal nulla ma scaturisce dal lavoro che questa Comunità, con la guida di Don Sebastiano Ferla e di Don Maurizio Casella, ha saputo costruire negli anni».

Don Marco Ramondetta, 40 anni, è originario della Comunità parrocchiale di Sant’Antonio di Padova di Siracusa dove è cresciuto e fatto il cammino Scout, all’interno del quale è maturata la vocazione che l’ha portato ad entrare in Seminario e ad essere ordinato sacerdote il 25/04/2014 dall’Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo.

Nella sua esperienza sacerdotale è stato Vice Parroco al Pantheon a Siracusa, Vice Rettore ed Economo del Seminario arcivescovile, Guida spirituale dei giovani dell’Azione Cattolica e Direttore dell’Ufficio Amministrativo della Curia, incarico che ricopre ancora.

Conosce bene Canicattini Bagni per aver gestito la Villa del Seminario che sovrasta la città, e negli ultimi quattro anni è stato Parroco della Chiesa Madre di Sant’Ambrogio a Buccheri, prima di essere assegnato alla guida della Chiesa Madre di Canicattini Bagni succedendo a Don Sebastiano Ferla che, all’età di 80 anni, ha lasciato l’Ufficio di Parroco, dopo quasi 50 trascorsi nel centro canicattinese, dal 1974 prima alla guida della Parrocchia “Maria SS. Ausiliatrice” e dal 2013 della Chiesa Madre “Santa Maria degli Angeli e di San Michele” succedendo all’indimenticato Don Rosario Pitruzzello.

Chi lo conosce lo definisce un Sacerdote umile, molto preparato e determinato, propenso all’ascolto e capace di stare in mezzo alla gente, in particolare tra i più fragili, con ottimi rapporti, in virtù della sua età e della lunga esperienza scoutistica, con l’associazionismo e le fasce giovanili.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: