CASSIBILE – FONTANE BIANCHE. PROTESTA DEI CITTADINI SABATO 6 FEBBRAIO ALLE ORE 10 PER LA PREVISTA REALIZZAZIONE DEL CAMPO PER IMMIGRATI

Cassibile, monta la protesta dei residenti: sabato sit in contro il villaggio per lavoratori stagionali

Il comitato dei cittadini che hanno firmato la petizione popolare contro il costruendo villaggio per extracomunitari a Cassibile Fontane Bianche, ha deciso di iniziare una serie di proteste a partire da Sabato 6 Febbraio 2021 alle ore 10.
Sabato, infatti, si svolgerà un SIT-IN di protesta proprio davanti il luogo dove si sta costruendo il villaggio per extracomunitari. “Ciò per dire no – dichiarano i promotori dell’iniziativa – al villaggio in quanto soluzione vecchia e già sperimentata nel passato che non ha portato alcun risultato, e soprattutto, sollecitare le istituzioni e il Sindaco, in particolare, a concedere un incontro cosi come richiesto nella petizione stessa.
Inoltre evidenzieremo come il luogo scelto per il villaggio sia inadatto, pericoloso e soprattutto
la costruzione è abusiva urbanisticamente e priva di ogni requisito di sicurezza e igienico
sanitario”.
“Sottolineeremo – proseguono nel loro comunicato -altresì un ulteriore spreco di denaro pubblico € 242,000 che si sta consumando per questa struttura che come detto non risolverà il problema ne degli stagionali ne tanto meno dei residenti. Cercheremo in ogni modo di evitare la ghettizzazione del nostro Paese e di un territorio vocato per lo sviluppo ma di fatto fortemente penalizzato. Come più volte evidenziato il luogo scelto è infelice anche perché ricade in una zona residenziale ( c.da Palazzo) già fortemente penalizzata e priva di servizi dove i cittadini vivono con gravi disagi e pregiudizi per la salute”.
“Nel rispetto delle regole, delle norme anti COVID-19 e democraticamente – concludono gli organizzatori della protesta – faremo sentire la voce dei cittadini che chiedono rispetto delle loro volontà e soprattutto di essere ascoltati per risolvere la problematica. A Cassibile Fontane Bianche chiunque è il benvenuto ed è bene accolto, ma nel rigoroso rispetto del vivere civile e delle regole di convivenza.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: