Covid, Regioni e decessi, Sicilia tra le peggiori

Nuovo Dpcm e vaccino, il ministro Speranza al Senato

In Italia, secondo il bollettino di ieri, ci sono stati 44 morti in un giorno, mai così pochi dallo scorso mese di ottobre. Ma di questi ben cinque riguardano la sola Sicilia, che ieri ha fatto registrare 348 contagiati e 448 guariti. Una situazione tutto sommato stabile ma che, comunque, colloca la nostra isola tra le Regioni “peggiori” d’Italia come contagi e come mortalità. E, in Sicilia, sorprende il caso di Catania, che ha registrato 124 casi con l’incidenza più alta d’Italia: con 95 contagi su 100 mila abitanti. Un problema non da poco per la Sicilia e per le sue “speranze” di diventare bianca a breve (si parlava del 21 giugno). Bianche da oggi, intanto, sono Friuli, Sardegna e Molise e il Governo Draghi sta lavorando alla normalizzazione premendo sull’ acceleratore dei vaccini, che da giovedì prossimo saranno estesi a tutte le fasce d’età. È, infatti, atteso per oggi, dopo quello dell’Ema, l’ok dell’Agenzia italiana del farmaco, l’Aifa, per i ragazzi di 12-15 anni, con Speranza che indica i pediatri per la somministrazione. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, prevede, infatti, la necessità di una terza dose anti-varianti, da fare dal medico di base. Speranza, ieri in tv a “Che tempo che fa” , ha illustrato una sorta di road map che condurrà l’Italia a uscire, con prudenza, dalla pandemia e che abbiamo così riassunto, per argomenti.

GREEN PASS

A metà giugno arriva il green pass in Italia. A luglio si attende il documento in ambito europeo.
“Il green pass – ha detto Speranza – è un’arma importante, uno strumento per favorire la mobilità: sarà sia in formato cartaceo che digitale. In formato cartaceo è già disponibile, si è in condizione già oggi di ricevere un certificato di vaccinazione. È utilizzabile anche il certificato cartaceo dopo un tampone negativo. Il passaggio al digitale è la vera sfida, ci consentirà una vera interoperabilità con i paesi europei. Dobbiamo anche andare oltre: la prossima settimana c’è una riunione a Oxford tra i ministri della Salute dei paesi del G7, la mia proposta è che si vada oltre i limiti europei. Penso a Usa, Canada, Giappone. Lavoreremo affinché il green pass arrivi nel modo più semplice possibile: in cartaceo dove necessario, ma anche sul proprio telefonino. Un codice molto semplice consentirà di avere una migliore mobilità”.

MASCHERINA ADDIO: QUANDO?

A una domanda sul quando sarà possibile riporre le mascherine, Speranza ha risposto: “Credo che non dobbiamo avere fretta di abbandonare queste abitudini. Facciamo un passo alla volta. Penso che nei luoghi al chiuso abbiamo davanti un tempo significativo in cui dobbiamo conservarla. Dobbiamo mantenere prudenza e cautela. La mascherina non è un prezzo enorme, in una fase di transizione possiamo permetterci una cautela in più. Quando i nostri esperti ci diranno che ci sono le condizioni, la toglieremo prima all’aperto e poi al chiuso”.
“Io – ha concluso – sono sempre stato considerato quello più duro, il rigorista. Dobbiamo mantenere questo atteggiamento di fiducia e prudenza. Le regole fondamentali non stravolgono l’esistenza: mascherina e distanziamento sono compatibili con una vita sostanzialmente regolare e normale. Non dobbiamo dimenticare i giorni difficilissimi che abbiamo passato”.

VACCINI

“Siamo in una fase nuova, diversa. La campagna di vaccinazione ha cambiato la situazione, siamo arrivati a oltre 34 milioni di dosi. Un pezzo significativo di paese ha avuto la prima dose, oltre un terzo. Abbiamo protetto la stragrande maggioranza delle persone più fragili e questo ci mette in condizione di guardare con fiducia alle prossime settimane, dobbiamo continuare a correre. A giugno avremo ancora più dosi e potremo correre ancora di più, dobbiamo avere fiducia ma dobbiamo tenere i piedi per terra continuando un percorso di gradualità. Dobbiamo mantenere questo approccio anche in estate, mascherina e distanziamento restano fondamentali. Ma un po’ alla volta ci sono le condizioni per riassaporare tante cose che abbiamo dovuto mettere da parte”.

ZONA BIANCA E DISCOTECHE

“Alcune attività non hanno ancora una data di ripartenza, come le discoteche. Ma al netto dei singoli settori, abbiamo linee guida per ogni segmento che riparte. Dal 15 giugno si può accedere con il green pass alle feste per i matrimoni: bisogna essere vaccinati, bisogna dimostrare di aver avuto il covid negli ultimi 6 mesi o serve un tampone eseguito nelle ultime 48 ore”, ricorda il ministro. “Ci sono linee guida per parchi tematici e fiere, bisogna rispettare una serie di comportamenti. Si riapre, ma con grande cautela e prudenza. Stiamo tornando anche negli stadi, l’11 giugno si gioca la prima partita degli Europei: si entra allo stadio Olimpico solo se si è vaccinato, se si è avuto il covid negli ultimi 6 mesi o se si è in possesso di un tampone negativo effettuato nelle ultime 48 ore”.

VARIANTE INDIANA

“In questo momento la prevalenza della variante indiana in Italia è dell’1% secondo l’ultimo studio dell’Iss. Dalle prime indicazioni, i vaccini sono in grado di rispondere positivamente a questa variante contagiosa: i vaccini sono resistenti”, ha detto Speranza rispondendo a una domanda sulla variante indiana, responsabile dell’aumento dei contagi in Gran Bretagna.

VACCINI PER 12-15 ANNI

Speranza ha commentato positivamente la notizia che l’Ema, l’agenzia europea del farmaco, ha autorizzato il vaccino Pfizer tra i 12 e i 15 anni. “Si conferma – ha detto Speranza – che i vaccini sono efficaci e sicuri. Aifa farà la propria parte nelle prossime ore dando seguito al pronunciamento dell’Ema e avremo la possibilità di usare il vaccino Pfizer tra i 12 e i 15 anni, è molto importante in vista della ripresa della scuola a settembre. Io ho un’opinione molto chiara e molto netta, credo si debbano usare il più possibile i pediatri di libera scelta, sono di straordinaria qualità, hanno radicamento sul territorio e un rapporto di fiducia con le famiglie”.
“Vorrei che ci fosse il massimo protagonismo dei pediatri. Dobbiamo poi aspettare che le analisi ci forniscano ulteriori elementi sulle fasce d’età inferiori ai 12 anni: l’auspicio è che da settembre-ottobre arrivino ulteriori notizie positive. Prima di settembre dobbiamo arrivare ad aver vaccinato la stragrande maggioranza delle persone tra i 12 e i 18 anni”.

TERZA DOSE: SERVE?

Rispondendo a una domanda sulla terza dose, il ministro della Salute ha affermato: “In questo momento non abbiamo certezze assolute, ma tutti i nostri scienziati ci dicono che sarà molto probabile dover ricorrere a una terza dose come richiamo necessario, eventualmente potranno esserci modifiche dei vaccini per poter coprire meglio alcune varianti”.
“Io ho 42 anni – ha concluso – e dopo il 3 giugno potrò anche io avere il vaccino. Ho scelto di vaccinarmi dal mio medico di famiglia e credo sia giusto: dobbiamo passare da una fase di straordinarietà a una fase di ordinarietà nella gestione di questa epidemia. Oggi dobbiamo correre e recuperare un vaccinato in più, ma se penso ad un periodo più lungo dobbiamo tornare a una gestione ordinaria”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: