Bonus 150 euro, sconti per lo psicologo e la tv e bonus bollette. Sono alcuni delle agevolazioni rinnovate dal governo Draghi per far fronte all’aumento dei prezzi dell’energia e aiutare i consumatori. Il Decreto Aiuti-ter, varato dal governo nell’ultimo consiglio dei ministri vale 14 miliardi di euro e i bonus approvati sono diversi: vediamo quali sono e come fare per richiederli.

Il bonus trasporti: come funziona e come richiederlo

In arrivo nuovi fondi per il bonus trasporti, il contributo da 60 euro per l’acquisto di abbonamenti ai trasporti pubblici. In particolare, il Fondo nato con il primo decreto Aiuti è stato incrementato di 10 milioni di euro per l’anno 2022. Il voucher, riconosciuto alle persone con reddito annuo inferiore a 35mila euro potrà essere richiesto fino a dicembre. Secondo i dati del ministero del Lavoro, finora i bonus emessi sono stati circa 730mila.

Bonus tv: a quanto ammonta e come verrà erogato

Tra le novità apportate anche il potenziamento da 30 a 50 euro del bonus tv, destinato all’acquisto di televisori compatibili con i nuovi standard di emissione del segnale. Era stato inizialmente previsto dalla legge di bilancio 2018, concesso a partire dal 18 dicembre 2019 e confermato ora fino al 31 dicembre 2022: l’obiettivo è garantire la ricezione del segnale televisivo in quelle zone, soprattutto di montagna, dove a seguito dello switch-off delle frequenze del digitale terrestre, e con l’introduzione della nuova codifica Mpeg-4, alcuni canali non sono più visibili.

Può fare domanda qualunque cittadino residente in Italia che abbia un Isee pari o inferiore a 20 mila euro, oppure che al 31 dicembre 2020 risultino di età pari o superiore a 75 anni ed esenti dal pagamento del canone tv ai sensi dell’articolo 1, comma 132, della legge n. 244 del 2007. Viene praticato dal venditore come uno sconto sul relativo prezzo di vendita.

Bonus psicologo potenziato

Altri 25 milioni di euro per il bonus psicologo. L’incentivo era stato attivato con il decreto Milleproroghe per affrontare i problemi psicologici in relazione all’emergenza Covid e alle sue conseguenze di natura economica e sociale. Il bonus psicologo è erogato una tantum sotto forma di voucher, è individuale e ha un valore massimo di 600 euro, fino a un massimo di 50 euro a seduta (quindi per 12 incontri). Lo psicologo incaricato delle sedute deve essere iscritto all’Albo degli psicologi e aderire all’iniziativa. Per quanto riguarda i beneficiari, invece, sono state stabilite tre fasce Isee secondo cui è regolata l’erogazione del bonus.

Bonus 150 euro

Il bonus 150 euro è il nuovo contributo pensato dal governo contro l’aumento dei costi. Sulla scia del bonus 200 euro, anche il nuovo bonus da 150 euro arriverà una volta sola, questa volta nelle buste paga di più di un terzo degli italiani, una platea di circa 22 milioni di persone.

Riceveranno il bonus i lavoratori dipendenti che a novembre avranno avuto una retribuzione non superiore a 1.538 euro, e i pensionati e lavoratori autonomi con redditi inferiori a 20mila euro lordi annui. Ma non solo. Il contributo, erogato dall’Inps, arriverà anche ai lavoratori stagionali a tempo determinato e intermittenti che nel 2021 abbiano svolto la prestazione per almeno 50 giornate.

Anche i percettori del Reddito di cittadinanza lo riceveranno – anche i nuclei familiari -, insieme a lavoratori domestici, chi percepisce indennità di disoccupazione agricola, co.co.co, dottorandi e assegnisti, lavoratori di Sport e Salute spa, lavoratori dello spettacolo. La condizione è sempre quella di non superare i 20mila euro di reddito.

Il bonus sociale per le bollette

Il bonus sociale elettrico e gas era stato introdotto dal governo Draghi con la Legge di Bilancio 2022 per far fronte al problema del prezzo crescente delle bollette di luce e gas. L’incentivo permette di abbattere la bolletta del 30 per cento circa. Nel corso dell’anno la misura è stata prorogata e modificata per ampliarne la platea. Con l’ultima modifica il tetto è salito a 15 mila euro.

Taglio delle accise sulla benzina fino a novembre

Non è un bonus, ma è comunque una conferma importante, quella del taglio accise su carburanti, confermata dal Governo nel dl aiuti ter.

Sono stati stanziati 400 milioni di euro per il Servizio sanitario nazionale, suddiviso tra le regioni e province autonome per far fronte ai rincari nel settore ospedaliero, comprese Rsa e strutture private. E’ quanto si apprende da fonti di governo. Ci saranno anche circa 190 milioni per il sostegno alle aziende agricole, con interventi per la riduzione dei costi del gasolio agricolo, dei trasporti e dell’alimentazione delle serre, oltre al rifinanziamento di 10 milioni per le scuole paritarie.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: