Luigi Di Maio lascia il M5S. La storia del ministro degli Esteri nel “Movimento Cinque Stelle” è ormai giunta ai titoli di coda con conseguente scissione dopo lo scontro con Giuseppe Conte. Ieri sera, l’addio al movimento, annunciato in una conferenza stampa, e la presentazione del nuovo gruppo “Insieme per il Futuro”.

Il ministro degli Esteri ha dichiarato: “Una scelta sofferta che mai avrei immaginato di dover fare. Ringrazio il Movimento, che in questi anni mi ha dato tanto, ma anch’io credo di aver dato il massimo. Da domani non più prima forza in Parlamento”.

La decisione sofferta per Di Maio di lasciare il Movimento, sottolinea nel corso della conferenza stampa, è stata l’ambiguità del M5S in politica estera: “Dovevamo necessariamente scegliere da che parte stare della storia, con l’Ucraina aggredita o la Russia aggressore. Le posizioni di alcuni dirigenti del M5s hanno rischiato di indebolire il nostro Paese” ha continuato Di Maio.

“Ci stiamo organizzando, ma c’è l’idea di fare il punto già nelle prossime ore…”, conferma un “dimaiano” di peso.

Durante la giornata lo scouting dei ‘dimaiani’ per costituire una nuova compagine parlamentare si è intensificato e sembrerebbe aver dato i suoi frutti. “Abbiamo già raccolto oltre 50 firme, oltre le aspettative. Stiamo ancora ricevendo iscrizioni. Possiamo arrivare a 60 iscritti”, fanno sapere parlamentari vicini a Di Maio. “Siamo già oltre una trentina a Montecitorio”, dice all’Adnkronos un pentastellato che nelle prossime ore formalizzerà il suo passaggio alla nuova compagine politica a cui sta lavorando il titolare della Farnesina.

Il Movimento è morto". L'esercito di Di Maio che prepara la scissione -  ilGiornale.it

Pare che a Palazzo Madama abbiano già superato quota 10, attestandosi a 11 adesioni. Alla Camera, invece, si registrano i numeri maggiori, tra i grillini della vecchia guardia – vedi Sergio Battelli, Gianluca Vacca e Daniele Del Grosso – ma anche tra i deputati alla prima legislatura, pronti a lasciare la ‘nave’ di Conte per seguire l’ex capo politico.

Fra i deputati che hanno, finora, sottoscritto per la creazione di un nuovo gruppo (un cinquantesimo ha dato la parola, ma deve ancora firmare), ci sono anche il viceministro dell’Economia Laura Castelli, il questore della Camera, Francesco D’Uva, Vincenzo Spadafora, il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano. Fra i senatori ci sono: Primo Di Nicola, Vincenzo Presutto, Fabrizio Trentacoste, Leonardo Donno, Sergio Vaccaro e Simona Nocerino.

Sulla crisi politica nel M5S, esplosa dopo l’esito delle amministrative e proseguita sulla questione delle armi da inviare all’Ucraina e con la scissione, guidata dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, la deputazione siracusana ha scelto. “Stiamo dalla parte del M5S” taglia corto il deputato nazionale Paolo Ficara, che, in sostanza, vuol dire schierarsi con l’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Sulla stessa linea di Ficara, ci sono Filippo Scerra, Maria Marzana, Paolo Pisani così come i parlamentari regionali del M5S, Stefano Zito e Giorgio Pasqua.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: