Dieci Comuni e un obiettivo comune: accelerare la diffusione e l’acquisizione di competenze digitali nella Pubblica Amministrazione. Questa la mission di ITACA, nato all’interno del progetto ANCI “MediAree”, che prevede un percorso di otto mesi che coinvolgerà i dieci comuni dell’Area Vasta di Siracusa e che è stato presentato ieri, durante un incontro presso l’Urban Center di Siracusa.

Siracusa sarà capofila, lavorando con i Comuni di Buccheri, Buscemi, Canicattini, Cassaro, Ferla, Floridia, Palazzolo, Solarino, Sortino. Per ogni Comune è stato designato un rappresentante tecnico e uno politico che seguiranno le varie fasi del progetto.

A introdurre le finalità di ITACA è stata la project manager Renata Giunta: efficientare i processi delle PP.AA. nell’erogazione dei servizi; migliorare i processi tra pubblico e privato attraverso gli strumenti digitali e fornire supporto alle dinamiche di crescita del territorio e di sviluppo economico. Il percorso sarà sviluppato attraverso incontri formativi e di confronto organizzati dai partner di progetto. In particolare, EHT si occuperà di redigere una strategia per la digitalizzazione dell’area vasta, a partire dall’analisi dello stato dell’arte del fabbisogno, oltre che della definizione di una proposta di modello di governance per i dieci comuni aggregati in area vasta, mentre RedTomato ADV seguirà il percorso dal punto di vista della comunicazione, dell’organizzazione eventi e della formazione del personale comunale. “Attraverso delle azioni di progettazione partecipata – ha spiegato l’ingegnere Gino Grasso, del Consorzio EHT – svilupperemo un percorso di trasferimento di know-how relativo alla transizione digitale nelle PA. Ciò servirà a costruire nei nostri interlocutori una consapevolezza spiccata sull’impatto che la digitalizzazione può portare ai processi della PA; su questa consapevolezza costruiremo un piano strategico per consentire ai Comuni di sviluppare azioni coerenti volte a facilitare la transizione digitale. Abbiamo una visione della tecnologia- ha poi concluso Grasso- come strumento abilitante: è sempre chi la usa a fare la differenza; saperne progettare bene l’utilizzo può migliorare i processi e i servizi ai cittadini, oltre che la costruzione di una governance più smart”.

Dopo una prima fase di analisi della situazione territoriale, sarà sviluppato un percorso di supporto nella pianificazione strategica del cambiamento digitale, costruendo con processi di co-design i progetti strategici su cui fondare l’avvio di un’azione più ampia. Un percorso che contribuirà, nel suo svolgimento, a definire e rafforzare gli strumenti di governance in vista di una smart strategy comune. Durante l’incontro di kickoff è intervenuto anche Michelangelo Giansiracusa, capo di Gabinetto del Sindaco di Siracusa, Francesco Italia, che ha sottolineato come “questo progetto consolida un modello di governance, quello dell’Area Vasta, che già di fatto esiste per altri processi relativi, ad esempio, agli aspetti del Distretto Socio Sanitario D-48. Sono certo che lavorare insieme ci consentirà di costruire un patrimonio di conoscenza comune, che sarà una grande occasione istituzionale, politica e territoriale di crescita per il territorio”.

L’intervento di Carmelo Iocolano, direttore creativo di RedTomato Adv, ha poi illustrato nel dettaglio quali saranno le prossime tappe progettuali. In particolare, dal 22 e al 24 novembre una rappresentanza del progetto sarà presente alla 34° Assemblea Nazionale di Anci, in cui il progetto MediAree e Itaca saranno tema di confronto e dibattito.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: