Si accendono i riflettori internazionale su Siracusa e Marzamemi per l’evento moda più importante dell’estate 2022 con una serie di sfilate ed eventi firmati “Dolce e Gabbana”.

Sarà reso noto stamane, il programma degli eventi organizzati dai due stilisti italiani.

All’incontro parteciperanno i sindaci di Siracusa e Pachino, Francesco Italia e Carmela Petralito, e Alfonso Dolce e Fedele Usai, rispettivamente amministratore delegato e group communication and marketing officer di “Dolce&Gabbana”.

Tra le star attese Jennifer Lopez, Beyoncé ma ci saranno almeno circa 500 vip, alcuni dei quali arriveranno con gli yacht. Si parla anche di Ben Affleck Sharon Stone e Monica Bellucci.

Misure anticoronavirus, le direttive del sindaco di Siracusa

“Il decennale dell’alta moda di Dolce e Gabbana a Siracusa, oltre ad una straordinaria opportunità di marketing e promozione dei nostri luoghi patrimonio dell’UNESCO, rappresenta – dice all’AGI il sindaco di Siracusa, Francesco Italia – un omaggio inedito alla nostra storia, a quell’intreccio di culture, esperienze e suggestioni che renderanno vita nelle preziose creazioni realizzate appositamente per l’evento dalle mani sapienti degli artigiani della maison. Una vetrina sul mondo per la nostra città che, grazie anche allo straordinario successo degli spettacoli classici al Teatro Greco, si candida ad essere capitale artistica e culturale del mediterraneo”.

Sulla Manifestazione dei prossimi giorni c’è da segnalare una presa di posizione di Elino Attardi, già direttore del Pronto Soccorso di Siracusa e realtà politica siracusana.

“Questo evento – dichiara Attardi – non può che far bene alla città e al proprio hinterland, però lascia un po’ la bocca amara, nel senso che non si può operare in funzione dello spettacolo ma della qualità della vita che un sindaco e la sua amministrazione fantasma si intesta. E tutto questo nel momento in cui le carenze della città sono palesi con il nostro sindaco Italia, regredito nella classifica del “Sole 24 Ore“ di ulteriori tre posti, a livello nazionale“.

“Ritenevo che Francesco Italia potesse interrompere quel circolo viziato e vizioso che appartiene da decenni a Siracusa. Così non è stato ed è inconcepibile che una classe politica si scansi e continui a scansarsi dai problemi che attanagliano questa nostra città. Decenni di fallimento – conclude Elino Attardi – e spero che la gente, in futuro, faccia delle scelte diverse, leggendo la storia di ogni futuro candidato, perché la storia di ogni individuo non tradisce. Mai“



Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: