Green pass presto obbligatorio anche al lavoro, via alla terza dose di vaccino

Il decreto sul Green pass è arrivato alla Camera e potrebbe incassare l’ok del Parlamento senza la necessità di apporre la fiducia del Governo che, intanto, si prepara a un nuovo provvedimento per estenderlo da ottobre ai dipendenti statali, alle categorie impegnate in quei settori dove il certificato è già obbligatorio e – probabilmente – anche ai lavoratori delle imprese.

Proseguono anche i sit-in contro il lasciapassare, sempre meno affollati: è un flop la manifestazione organizzata da Forza Nuova. Alcuni dirigenti del movimento non hanno partecipato alla protesta, dopo il ritrovamento di bastoni e passamontagna durante i controlli della polizia nelle loro abitazioni. A un mese dall’introduzione del meccanismo del certificato verde, l’associazione di ‘Tutela Nazionale Imprese’ ha invece segnalato che il 37% dei ristoranti ha registrato perdite, con cali di fatturato medi del 30% e punte fino al -60% oltre a “problemi coi clienti per il certificato per 4 ristoratori su 10”.

Bollettino Covid Sicilia, si scende sotto i mille nuovi casi: ecco i dati  per provincia

Il decreto sul green pass che sarà convertito in legge dovrebbe anche sancire la possibilità di somministrare i vaccini antinfluenzali in farmacia a tutti gli over 18 e l’equiparazione dei test salivari ai tamponi, estendendo fino al 30 novembre la misura sul prezzo calmierato per questi ultimi. Nuovi provvedimenti matureranno dopo la cabina di regia del Governo prevista giovedì, in cui si deciderà per l’estensione del passaporto verde: non si esclude al momento che possa riguardare anche i passeggeri del trasporto pubblico locale. Una serie di valutazioni saranno fatte anche alla luce dell’incontro tra sindacati e Confindustria, durante il quale il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, ha chiesto che – in caso di utilizzo del green pass nell’ambito dei lavoratori delle imprese – siano le stesse aziende a caricarsi dei costi dei tamponi e di non licenziare nessuno, anche chi non fa il tampone.

Prima ancora di tutto questo, già nei prossimi giorni, partiranno le somministrazioni della terza dose del vaccino anti-Covid19 ai pazienti fragili, come gli oncologici o i trapiantati, in seguito ad anziani e residenti delle Rsa.

Come scaricare il Green Pass Covid

“I giovani si stanno vaccinando più delle altre generazioni e questo è un messaggio molto bello. I numeri dell’Italia sono positivi e importanti ma dobbiamo crescere ancora di più. C’è una discussione in corso, che avverrà anche nei prossimi ,che ci porterà a determinazioni che ci consentiranno di estendere la campagna vaccinale, penso all’estensione del green pass e altre ipotesi per rafforzare la campagna vaccinale” ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, a conclusione dei lavori del G20 Salute a Roma.

Speranza: Presto estensione del green pass, da settembre via alle terze  dosi per i fragili

Intanto si apprende che sono, presumibilmente circa 1500, secondo i dati della Federazione nazionale ordini dei medici (Fnomceo), i medici non vaccinati: di questi, circa 1000 stanno ancora esercitando la professione, ovvero quasi il 70% sul totale dei non vaccinati. Lo afferma il presidente Fnomceo Filippo Anelli, che lancia “un appello ai colleghi non immunizzati – ma che possono vaccinarsi perché non hanno motivazioni legate al loro stato di salute – a sottoporsi subito alla vaccinazione, pena la sospensione dal lavoro”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: