Sortino, i CC scoprono piantagione di marijuana: arrestato un pregiudicato già ai domiciliari

 

 

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa ed i militari della Stazione di Sortino della Compagnia Carabinieri di Augusta, nella giornata del 17 Agosto 2017, hanno tratto in arresto per coltivazione di Marijuana il pregiudicato Cesare Pandolfo di 53 anni, sortinese, già agli arresti domiciliari dal 14 luglio 2016 per non aver ottemperato, all’epoca, al divieto di dimora nei comuni di Melilli e Sortino comminati, fra le altre cose, a seguito di complessa attività di indagine svolta nell’anno 2013 dal Comando Stazione Carabinieri di Melilli e dal Nucleo Operativo della Compagnia di Augusta, ove si appurava, a suo carico, la matrice dolosa di natura estorsiva dell’incendio che devastava il camping ” Il fiume Carrubba “.

Nello specifico, i Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa, a seguito di numerosi servizi di osservazione e controllo del territorio, hanno constatato che il pregiudicato, seppur agli arresti domiciliari, si dedicava alla coltivazione di una consistente piantagione di canapa indiana, composta da quasi 200 piante dell’altezza di oltre due metri, e dotata di un raffinato sistema di irrigazione a goccia che si diramava dalla conduttura idrica della sua abitazione di residenza fino all’appezzamento di terreno dove stava crescendo la marijuana, distante alcune decine di metri. L’intervento dei Carabinieri è stato provvidenziale poiché le piante, in pochi giorni, sarebbero potute essere pronte per la raccolta e la trasformazione in stupefacente da immettere nel mercato, procurando all’uomo un introito economico quantificabile in svariate decine di migliaia di Euro. A seguito dell’intervento la piantagione è stata posta sotto sequestro ed estirpata, mentre il Pandolfo è stato condotto presso la casa circondariale “Cavadonna” di Siracusa a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

 

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: