Monsignor Antonio Staglianò, vescovo di Noto, cantante e cantautore, promotore della Pop Theology, è stato nominato da Papa Francesco presidente della Pontificia accademia di Teologia. Ovvero, il dicastero della Curia romana che coadiuva il Sommo Pontefice in ciò che concerne l’incontro tra la Chiesa e i mondi culturali. L’obiettivo dell’istituzione figlia delle riforme promosse dal concilio Vaticano II – si legge – “è quello di riaprire un dialogo sincero, affinché i rappresentanti della scienza, della letteratura e dell’arte si sentano riconosciuti dalla Chiesa come cercatori autentici del vero, del buono e del bello”.

Calabrese, nato il 14 giugno del 1959, monsignor Staglianò è considerato un pastore dal forte profilo comunicativo. Presbitero dal 1984, nel 2009 è stato chiamato da papa Ratzinger a reggere la diocesi di Noto, diocesi che lascerà, evidentemente, per stabilirsi a Roma. Da giorni si rincorrevano le voci circa l’imminente nomina vaticana. L’annuncio alla comunità diocesana è avvenuto, invece, ieri nella cattedrale della città barocca.

Si legge nella pagina ufficiale della Diocesi: “In questi anni di servizio pastorale, monsignor Staglianò ha tenacemente promosso un progetto comunicativo teologico, pastorale e culturale che prende il nome di Pop-Theology, per dare più decisivi impulsi all’annuncio del Vangelo, sulla scia della Chiesa in uscita auspicata da Papa Francesco, offrendosi come via efficace per meglio dinamizzare la fede del popolo di Dio”.

Fra i nomi che circolano come successori papabili di Staglianò quello del Vescovo ausiliare di Messina, Mons. Cesare Di Pietro. 

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: