Il secondo giovedì di ottobre, da diciotto anni, in tutto il mondo si celebra la ‘Giornata della Vista’, una ricorrenza istituita per richiamare l’attenzione di istituzioni, cittadinanza, autorità politiche e amministrative sull’importanza della vista e sulla necessità di tutelarla e prendersene cura in ogni fase della vita. È promossa dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità (IAPB) con la collaborazione e il coordinamento, sulle principali piazze d’Italia, delle Sezioni Territoriali dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti.

La Iapb e l’Uici ritengono che “per allargare l’accesso alle cure oculistiche sia necessario impiegare risorse e attivare servizi di informazione e prevenzione, adottando strategie per garantire diagnosi tempestive e attività riabilitative nel percorso di cura”.

Sono oltre tre milioni gli italiani che rischiano patologie visive gravi. 

A Siracusa, la Giornata Mondiale della Vista è l’occasione per continuare a diffondere cultura sul tema della disabilità visiva. Sensibilizzare e prevenire sono, infatti, le parole chiave della Giornata che quest’anno si intitola “Due porte aperte sul mondo” con il chiaro riferimento agli occhi, attraverso i quali possiamo ricevere più dell’80% delle informazioni che ci giungono dall’ambiente.

I volontari della Sezione Territoriale Uici di via Grottasanta, 99, Siracusa, per stamane hanno organizzato una conferenza, ove saranno affrontate le varie problematiche e verranno distribuiti opuscoli informativi che forniranno consigli utili per prevenire le patologie oculari. Inoltre, saranno presenti con una unità mobile, nella giornata di mercoledì 19 ottobre dalle 9 alle 14 in largo XXV luglio (Tempio di Apollo) dalle ore 9, 00 alle ore 13,00, per un controllo gratuito della vista e la divulgazione materiale informativo.

Glaucoma, retinopatia diabetica e maculopatie rappresentano un insieme di patologie che, complessivamente, riguardano oltre 3 milioni di italiani e 400 milioni di persone nel mondo. La buona notizia è che quasi tutte le malattie dell’occhio possono essere gestite se individuate in tempo. Solo il medico oculista (anche detto Medico oftalmologo) ha la competenza per farlo. L’informazione e la prevenzione sono un approccio vincente per il contrasto alle malattie della retina e del nervo ottico e conservare la vista per tutta la vita. Maggiori informazioni sul sito www.uiciechisiracusa.it o telefonando al numero 0931 441456.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: