Il gup del tribunale di Siracusa ha rinviato a giudizio 52 persone coinvolte nell’operazione “Povero Ippocrate” del febbraio 2019 e ha disposto per altri 3 individui il non luogo procedere. A condurre le indagini sull’erogazione di false pensioni di invalidità civile erano stati i Carabinieri del Nucleo Investigativo Telematico. Gli inquirenti avevano scoperto quello che è stato definito un “sistema” per attestare anche esami diagnostici in realtà mai eseguiti. Secondo quanto ricostruito, in alcuni casi il falso invalido sarebbe statp istruito anche su come comportarsi durante la visita di accertamento davanti alla commissione Inps. In cambio di tutto, i medici compiacenti avrebbero ricevuto denaro.
L’accusa è di truffa, corruzione e falso.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: