Ortigia Film Festival torna a Siracusa nella sua versione invernale, con due serate di grande cinema dedicate alla sostenibilità ambientale, sociale e umana.

Si parte martedì 27 dicembre alle ore 17:10, nella sala Ferruzza – Romano dell’Area Marina Protetta del Plemmirio, con la proiezione di Maredolcedi Christian Mantuano. Il film, prodotto dal WWF, vuole portare all’attenzione le sfide affrontate dai pescatori artigianali e le opportunità offerte dalla trasformazione del settore della piccola pesca verso pratiche più sostenibili ed innovative. Al termine della proiezione, Olea Prato, presidentessa WWF Sicilia, incontrerà il pubblico.

A seguire, in collaborazione con Donne nell’Audiovisivo – Women in film Italy, saranno proiettati i cortometraggi vincitori della settima edizione di Afrodite Shorts, il festival che si adopera per la promozione e la crescita professionale del lavoro svolto in ambito audiovisivo dalle donne.

Spiaggia Libera, di Ludovica Zedda. Un confronto generazionale, di un amore finito, di un equilibrio rotto che i due personaggi si trovano costretti a dover superare.

Il Grande Méliès, di Beatrice Campagna. Il complesso rapporto tra un padre, illusionista e una giovane figlia musicista, si risolve el luogo che li ha più profondamente uniti e divisi: il palcoscenico.

La neve coprirà tutte le cose, di Daniele Babbo. In un alternarsi di emozioni contrastanti, una coppia lotta per rimanere in equilibrio durante un’attesa che potrebbe cambiare la loro vita.

Nina, Lellé e u Mari, di Maria Giulia Mutolo. Nina e Lellè sono due giovani innamorati che vivono in una casa decadente sul mare in Sicilia.

O Cosaco Rosa, di Mónica Santos. Un film-musical politico su una Giacca Rosa sempre con un asso nella manica. Nel comfort della sua casa, Giacca Rosa tortura e ricuce gli oppositori del sistema.

Tria, di Giulia Grandinetti. In una Roma distopica, vige una legge per cui le famiglie immigrate non possono avere più di tre figli.

Il 28 dicembre, alle 17:00 sarà la volta di Cosa Verrà, di Francesco Crispino. Il film che ha per protagonisti Alice ed Eric, due studenti dell’istituto Edmondo De Amicis di Flordia, paese in provincia di Siracusa. Alice ed Eric insieme ai loro compagni di terza media stanno intraprendendo il delicato passaggio dall’infanzia all’adolescenza in mezzo a libertà frenate e restrizioni sempre più dure legate al periodo della pandemia. Un’occasione per docenti e educatori di interrogarsi sulle aspettative e i cambiamenti che interessano gli studenti e su come si possa accompagnarli in questa fase delicata. Il film scritto, diretto e  co-prodotto dallo stesso Crispino insieme all’Istituto comprensivo statale “E. De Amicis” è il risultato di un progetto promosso e sostenuto da MIUR e MIC.

A seguire, Big, di Daniele Pini, il corto vincitore del Premio del Pubblico al miglior cortometraggio OFF14. Interpretato da Rita Abela – che incontrerà il pubblico al termine della proiezione – Big racconta la storia di Matilde che per guadagnare qualche soldo, scandaglia la spiaggia con il metal detector alla ricerca di qualche oggetto di valore. In una fredda mattina d’inverno, Matilde troverà un oggetto che cambierà la sua vita per sempre.

Ortigia Film Festival, diretto da Lisa Romano e Paola Poli,è annoverato nel calendario degli eventi cinematografici più importanti del bacino del Mediterraneo. Fondato da Lisa Romano, ha ricevuto la prestigiosa medaglia del Presidente della Repubblica e, negli anni, il sostegno di: Mic, Comune di Siracusa, Regione Siciliana, Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo, Dipartimento Turismo Sport e Spettacolo – Sicilia Film Commission, nell’ambito del progetto Sensi Contemporanei, Siae, Unesco, Rai. Ortigia Film Festival ha il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: