Pallamano: grande vittoria dell’Albatro Siracusa

Albatro Teamnetwork Siracusa 34

Junior Fasano 32   dopo tiri di rigore

Al 60’ 31-31

(primo tempo 12-18)

 

Albatro Teamnetwork Siracusa: Mincella, Errante, Adler, Vinci 1, Ragusa, Calvo M., Brancaforte 4, Morandeira, Argentino, Giuffrida, Molina 7, Polito 8, Dedovic 7, Calvo A 4. All. Vinci.

Junior Fasano: Fovio, Cedro, Messina 1, De Santis 4, Maione 5, Riccobelli 14, Palmisano, Pignatelli 1, Arcieri, Gallo, Colella, Alves 6. All. Ancona.

Arbitri: Alperan e Scevola

 

Missione compiuta. Che impresa per l’Albatro, capace di battere in casa ai rigori la capolista Junior Fasano (alla prima sconfitta dopo 14 vittorie consecutive) al termine di una gara in cui è stata quasi sempre sotto nel punteggio. Eloquente il risultato del primo tempo: 12-18. Nella ripresa però è cominciata un’altra gara e la squadra di Vinci è riuscita quasi a fil di sirena ad evitare la sconfitta. Secondo posto nel girone C del campionato di serie A di pallamano praticamente al sicuro. Basterà vincere le ultime due gare contro Sant’Angelo e Lazio per centrare il primo obiettivo stagionale.

Andrea Calvo  e Maione sono i primi due marcatori. Poi segnano Dedovic e Riccobelli. Si infortuna al ginocchio Mattia Calvo, al suo posto Morandeira. Brancaforte e Polito portano l’Albatro sul 4-2, ma è solo un’illusione. L’ultimo vantaggio dei padroni di casa è firmato da Devdovic a metà primo tempo: 8-7. Lo Junior reagisce e mette a segno un parziale di 6-0 che annichilisce i padroni di casa, tenuti comunque a galla da alcune strepitose parate di Adler. Massimo vantaggio ospite a una manciata di secondi dal termine del primo tempo: 11-18 con la rete di Riccobelli. Molina tiene accese le speranze dei padroni di casa accorciando le distanze prima dell’intervallo.

Sembra un gap incolmabile, ma l’Albatro non si arrende e, trascinata dai 600 del PalaLobello, prova una rimonta che appare “impossibile” anche perché ogni qualvolta i siracusani si avvicinano agli avversari (15-18 prima, 21-23 dopo) questi li ricacciano indietro nel punteggio. A 7’ dalla fine i pugliesi mantengono tre reti di vantaggio (26-29) grazie ad un Riccobelli stratosferico e ad un Alves che capitalizza quasi tutti i tiri. Polito e Dedovic sono tra gli ultimi ad arrendersi, Andrea Calvo stringe i denti nonostante il dolore alla coscia e fornisce il suo prezioso contributo, così come il giovane Vinci (che segna anche un gol) ed il PalaLobello può esplodere a 4’ dal termine quando Dedovic realizza il gol del 29-29. Riccobelli riporta il Fasano in vantaggio, poi segna Polito, ma i pugliesi replicano ancora con Riccobelli al 29’20’’. Gara vietata ai deboli di cuore. Vinci chiama time-out: l’ultimo possesso è per l’Albatro. Dedovic non sbaglia e regala alla sua squadra quel punto che cercava per mantenere in solitario la seconda posizione. Ai rigori poi l’Albatro completa l’opera andando in gol con Molina, Morandeira e Dedovic. La festa è tutta bianconera. Seconda vittoria consecutiva ai rigori dopo quella di Fondi e secondo posto in cassaforte a due gare dal termine della prima fase del campionato.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: