Pallanuoto. L’Ortigia espugna Genova, battuto il Quinto

L’Ortigia espugna Genova con una bella prestazione e mantiene la seconda posizione solitaria in classifica. Gli uomini di Piccardo vincono piuttosto agevolmente, dominando sin dall’inizio, con un perfetto approccio al match. Dopo l’immediato gol del vantaggio del Quinto, con Ravina, l’Ortigia pareggia subito con Ferrero e poi prende il largo con la doppietta di Vidovic (una rete con l’uomo in più), il gol ancora di Ferrero e quello di Andrea Condemi (sempre in superiorità), prima del 5-2 di Ravina con cui si chiude il parziale. Nel secondo tempo, il copione è identico: l’Ortigia macina gioco e sfrutta bene le azioni con l’uomo in più, guadagna un rigore che Gallo trasforma, segna in superiorità con Cassia e ancora Gallo e difende bene con l’uomo in meno, concedendo solo un gol a Gitto e un rigore che però Figari sbaglia. Si va a metà gara sul punteggio di 8-3 per i biancoverdi. Nella terza frazione, i ritmi si abbassano ulteriormente, l’Ortigia gestisce, Ferrero, su azione di uomo in più, sigla il +6, Figari accorcia, ma ancora Gallo, sempre in superiorità, fissa il risultato sul 10-4. Negli ultimi otto minuti, la squadra di Piccardo, stanca e priva di due pedine fondamentali, oltre che dell’unico centroboa in acqua (Klikovac, fuori per tre falli nel terzo tempo), gioca al risparmio, i liguri segnano con Figari, Villa, Panerai e Dellacasa (proprio sulla sirena finale), mentre i siciliani sfruttano l’uomo in più con Gallo. Alla fine è 11-8 per i biancoverdi, che conquistano altri tre punti importanti.


Pallanuoto, Ortigia e Piccardo insieme per altri 4 anni: c'è l'annuncio -  Siracusa News

A fine gara parla Stefano Piccardo, allenatore dell’Ortigia, soddisfatto della prestazione dei suoi: “I ragazzi hanno
approcciato la partita nella maniera giusta, disputando due tempi e mezzo di ottima pallanuoto. Abbiamo fatto una
prestazione molto buona, giocando bene e in velocità sia con l’uomo in più che con l’uomo in meno. Sono davvero
molto contento. Avevamo voglia di vincere e si è visto. Una prestazione convincente da parte di tutta la squadra,
abbiamo giocato benissimo la superiorità numerica, anche quando non abbiamo fatto gol siamo andati sempre alla
conclusione come volevamo. Anche l’uomo in meno è stato ottimo, anzi è l’aspetto in cui abbiamo fatto meglio”.
Un’Ortigia che è riuscita a imporre il proprio gioco, nonostante le assenze e le difficoltà, anche quelle sorte durante il
match, con l’uscita di Klikovac: “Abbiamo giocato bene la transizione quando non avevamo il centro – conclude il
coach biancoverde -, arrivavamo veloci e questo ci ha aiutato a sopperire alla mancanza del centroboa. Perché non
dimentichiamo che abbiamo perso Klikovac all’inizio del terzo tempo, quindi abbiamo giocato due tempi qui a Genova
senza i centroboa di ruolo. A maggior ragione, faccio i miei complimenti alla squadra. Ora testa a sabato, perché ci
attende un altro impegno probante. Spero di esserci e di non essere squalificato. Non capisco sinceramente perché
sono stato espulso oggi dopo un gol segnato da noi. Non ho detto assolutamente nulla”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: