PROVINCIA DI SIRACUSA. “RESTATE A CASA”. ANCORA VIOLAZIONI RISCONTRATE DAI CARABINIERI PER FAR RISPETTARE IL DIVIETO

Siracusa. Emergenza covid-19, Carabinieri: ancora persone trovate ...

Continuano i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa per garantire il rispetto delle disposizioni vigenti nella difficile congiuntura sanitaria, ed anche nella giornata di ieri diverse sono state le violazioni riscontrate.

Di seguito i casi più emblematici:

  • ad Augusta i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della locale Compagnia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari e sostituzione con quella più afflittiva della detenzione in carcere, nei confronti del 26enne Miscel Carbonaro. Il giovane, sebbene sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, nel corso di diversi controlli presso la sua residenza, non era stato trovato in casa dai Carabinieri, che invece lo avevano colto mentre passeggiava per le strade della cittadina megarese, incurante sia delle prescrizioni della misura detentiva, sia delle disposizioni relative all’emergenza epidemiologica. L’uomo è stato, quindi, associato presso la casa circondariale “Piazza Lanza” di Catania;
  • a Siracusa diversi soggetti sono stati controllati e sanzionati: alcuni mentre si trovavano a passeggio per le vie cittadine, uno mentre circolava in sella al suo ciclomotore, senza una giustificazione valida, un altro perché, stanco di rimanere chiuso in casa, era uscito per ammirare il mare da una nota piazza cittadina; altre ancora sono state sanzionate perché trovate sedute in panchine pubbliche mentre dialogavano.        
    Sanzioni anche nelle zone balneari a sud del capoluogo, dove un giovane di 20 anni è stato sorpreso a circolare in bicicletta senza una valida motivazione ed un surfista si stava, invece, accingendo a tuffarsi in mare;
  • a Priolo Gargallo un uomo è stato sanzionato perché, stanco di rimanere chiuso a casa, stava girovagando per le vie del paese; un altro soggetto, proveniente da un comune limitrofo, è stato invece sanzionato, mentre circolava a bordo della sua autovettura senza motivo valido;
  • a Noto due soggetti sono stati sanzionati, poiché erano usciti senza una valida motivazione: il primo, sorpreso a bordo della sua autovettura, ha tentato di giustificarsi, dicendo di essere andato a trovare un’amica; il secondo ha, addirittura, riferito di essere alla ricerca di un bar aperto;
  • a Portopalo di Capo Passero un giovane è stato sanzionato perché, proveniente da un comune della provincia di Ragusa, si stava recando a casa di un cliente del luogo e a cui doveva fare una consegna;
  • ad Avola un uomo ed una donna sono stati controllati e sanzionati, mentre circolavano a bordo di un’autovettura senza motivo valido;
  • a Palazzolo Acreide diversi soggetti sono stati controllati e sanzionati, perché circolavano a bordo di autovetture senza motivo valido: alcuni hanno dichiarato di voler fare una passeggiata, mentre altre persone di essere fuori dalle abitazioni per sbrigare delle commissioni. Una donna, a bordo della sua auto, ha dichiarato di trovarsi in quel comune per fare la spesa;
  • a Carlentini, Ferla, Floridia, Pachino, diversi soggetti sono stati controllati e sanzionati mentre stavano passeggiando lungo le vie cittadine;
  • ad Augusta due uomini sono stati sanzionati perché trovati all’interno di un’associazione musicale intenti a comporre musica.

I Carabinieri, quotidianamente impegnati nel garantire la corretta osservanza delle misure di contenimento rammentano che è stato fatto divieto a tutti di circolare se non per “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza” o “motivi di salute” e che le nuove disposizioni di legge prevedono per i contravventori sanzioni da € 400,00 a € 3000,00, da aumentare fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo e da raddoppiare in caso di recidiva.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: