Rifornivano i detenuti di Cavadonna di droga e smartphone: denunciati due giovani

Agenti della Polizia di Stato, in servizio alla Squadra Mobile della Questura di Siracusa, hanno denunciato due uomini, entrambi residenti a Siracusa, rispettivamente di 28 e 20 anni, per possesso di droga ai fini dello spaccio e per aver
introdotto, all’interno dell’Istituto Penitenziario di Cavadonna-Siracusa, numerosi apparecchi telefonici e sostanza stupefacente del tipo hashish e marijuana.
In specie, nel pomeriggio del 19 novembre scorso, agenti della Polizia Penitenziaria, in servizio presso la Casa Circondariale di Siracusa, hanno rinvenuto, all’interno del muro di cinta dell’Istituto Penitenziario, degli involucri contenenti telefonini e droga e hanno individuato, nelle immediate vicinanze del carcere, un’autovettura Citroen,
con all’interno un cellulare ed una Carta d’Identità riconducibile a uno dei due soggetti poi denunciati, figlio di un detenuto.
Pertanto, gli uomini della Penitenziaria, segnalavano tali fatti agli investigatori della Squadra Mobile aretusea che, attivando una sinergica collaborazione investigativa con gli agenti della Polizia Penitenziaria, visionavano le registrazioni delle telecamere di sicurezza del carcere, riuscendo ad identificare e denunciare i due giovani per aver introdotto illegalmente, all’interno dell’istituto penitenziario, 13 micro telefoni cellulari, completi di cavetti USB per la ricarica, 3 schede telefoniche, 7 telefoni smartphone, alcuni auricolari ed un involucro contenente hashish e
marijuana.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: