ROSOLINI. ARS, DECADE NUOVAMENTE IL DEPUTATO PIPPO GENNUSO

Dopo le grandi abbuffate la Regione si mette a dieta: taglio del ...

Decaduto per la seconda volta dalla carica di consigliere regionale siciliano, Pippo Gennuso.  A segnalare la necessità di applicare la legge Severino nei confronti del politico di Rosolini è stata la Corte d’Appello, in seguito al mancato accoglimento del ricorso presentato da Gennuso, in seguito al patteggiamento per l’affare legato alla sentenza del Cga che dispose la ripetizione delle Regionali 2012 in alcuni seggi a Pachino e Rosolini. A novembre la Cassazione aveva dichiarato inammissibile il suo ricorso. E oggi l’Ars ha preso atto della comunicazione ed ha dichiarato decaduto il deputato regionale Pippo Gennuso. Il reato per il quale è stato condannato è quello di “traffico di influenze” ed è legato alla vicenda delle elezioni ripetute in alcuni seggi del Siracusano. Ripetizione che consentì a Gennuso di tornare all’Ars a discapito di Pippo Gianni che allora perse il seggio. Quella mini-tornata elettorale sarebbe stata viziata da una tangente che avrebbe orientato poi il giudizio del Cga di Palermo. Al posto di Gennuso torna a Sala d’Ercole Daniela Ternullo, che lo aveva già sostituito in occasione della prima sospensione. Il “caso Gennuso” non è ancora definitivamente concluso e potrebbe rientrare per l’ennesima volta al parlamento regionale, se la Cassazione nell’udienza del prossimo 5 giugno deciderà il proscioglimento del deputato siracusano.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: