SCUOLA: CIDA-ANP AL MINISTERO: “REGOLE CHIARE NEL NUOVO PROTOCOLLO DI SICUREZZA”

Scuole verso la riapertura completa. I presidi: «Tamponi, controlli e  trasporti per garantire la sicurezza» - Varesenoi.it

L’Associazione nazionale dirigenti pubblici e alte professionalità della scuola, dopo l’incontro di ieri sul Protocollo sicurezza, lo ha definito “un ulteriore passo avanti verso per garantire concretamente la gestione del prossimo anno scolastico”. L’Associazione, sottolineando come il Ministero abbia inviato una bozza di protocollo “che tiene conto di gran parte delle proposte di modifica e osservazioni avanzate nella prospettiva di sottoscrivere il protocollo celermente”, ha espresso “apprezzamento per l’impegno del Ministro a fornire tempestivamente supporto e indicazioni applicative con regole chiare sul protocollo di sicurezza”.

Queste riguardano “le modalità di verifica della certificazione verde” ma nella bozza di protocollo si parla anche dell’impegno “di assumere, là dove necessario, una unità di personale amministrativo a tempo determinato per un più agevole adempimento della normativa anti-Covid”.

Il numero limitato di personale aggiuntivo sarà però utile soltanto “se sarà possibile accedere alla banca dati delle Asl, sulla falsariga di quanto avviene già per la verifica delle vaccinazioni degli studenti fino ai sedici anni”.

Senza questa procedura informatizzata, si legge nella nota, ” evidente che la nostra richiesta andrebbe in direzione del reclutamento straordinario di collaboratori scolastici per ogni plesso”. L’Anp ha, poi, rimarcato la necessità “che il protocollo sia coerente” con il Decreto Legge 111 del 6 agosto del 2021, sulle “Misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, universitarie, sociali e in materia di trasporti”.

E questo, scrivono i dirigenti, “nella ferma convinzione del valore della scuola in presenza, che va coniugato con la tutela della salute del personale scolastico e degli studenti attraverso una chiara e agevole applicazione della normativa sulla certificazione verde e la sempre crescente adesione alla campagna di vaccinazione da parte degli studenti”.

“Diversamente – conclude la nota – il ritorno alla didattica a distanza, quantomeno in alcune istituzioni scolastiche, sarà inevitabile”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: