Il prossimo 20 gennaio a Villa Reimann, l’Associazione Christiane Reimann di Siracusa avrà ospite Corrado Di Pietro, poeta, saggista, conferenziere e soprattutto appassionato studioso e cultore della lingua e letteratura siciliana. Nelle tre conferenze, del 20 e 27 gennaio e del 3 febbraio, Corrado Di Pietro intratterrà i partecipanti in un vero e proprio corso di conoscenza del Siciliano. Le sue conversazioni si baseranno sui risultati dei suoi studi sulla “parlata siciliana”, pervenuta a noi derivata ed arricchita dalle influenze dei vari dominatori che si sono susseguiti nella nostra isola nel corso dei secoli.

Il siciliano deve considerarsi una “lingua” non solo perché ha una propria grammatica ed una propria sintassi, nonostante sia una lingua prevalentemente parlata, ma soprattutto perché è una lingua formatasi insieme ad un popolo, i siculi, derivata dal Sanscrito e mantenuta se non arricchita dalle varie dominazioni succedutesi con una continua osmosi di termini donati e ricevuti da altre lingue.

È noto che nella nostra ”parlata siracusana” vi sono ancora presenti termini della lingua greca (ammaru, babbu, trivulu, scaliari etc) e latina (antura, ogellannu, chi nicchi e nacchi, ficu, prescia etc) a cui si aggiungono numerosissimi quelli derivanti dall’Arabo (balata, carrubu, giummu, quartara, murritusu etc) dai Normanni (valanza), dagli Svevi (guastedda) per poi sfociare e sublimarsi nella Scuola Siciliana e procedere con gli Angioini (arriminari), con gli Spagnoli con un travaso vastissimo e naturale (abbuccari, lastima, runfuliari, jurnata, curtigghiu etc).

La seconda conversazione sarà improntata al modo di scrivere il siciliano che proprio per la dozzina di parlate presenti nella nostra isola molto spesso non segue le stesse regole ed infine si concluderà il ciclo di conferenze con un richiamo alla grande mole di componimenti di siciliano presenti nel nostro panorama culturale regionale che costituiscono un patrimonio vastissimo di poesie, preghiere, lamenti, suonate, leggende, riti religiosi, rimedi, magherie, canti, proverbi, modi di dire etc.
Per dare forza a questa conclusione il 3 febbraio si esibirà anche il noto folksinger Tonino Buonasera, chitarra e voce e Cristian Bianca, violino in “Vinni a cantari” Storie e canti di Sicilia con la narrazione di Corrado Di Pietro.

Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: