SIRACUSA. APPALTO ATI IN SCADENZA, MANGIAFICO: “L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE TORNI A PROGRAMMARE PER LA CITTA'”

Siracusa, contratto Utilservice in scadenza lunedì: "si proceda ...

Una mancanza di programmazione da parte dell’Amministrazione comunale non può ricadere sul destino di 101 lavoratori. A tirare le loro difese è Michele Mangiafico, il quale interviene sulla vicenda dell’appalto Ati (Associazione temporanea di imprese) UtilService e IdealService in scadenza lunedì. Si tratta di una questione delicata, già sollevata dai sindacati, che potrebbe mettere in gravi crisi economica ben 101 famiglie, ma di cui ad oggi non si sanno i risvolti, nonostante i tempi ristretti.
Non finisce qua, perché la scadenza dell’appalto, senza una successiva programmazione, è un problema che si riversa sull’intera città, in quanto l’Ati svolge servizi fondamentali per la città tra cui quelli cimiteriali (con tanto di servizio navetta all’interno), mentre UtilService e IdealService collaborano con l’ufficio tributi. Eppure, a pagina 120 del Documento Unico di Programmazione per il 2020-2022, si fa specifico riferimento alla esternalizzazione dei servizi di estumulazione del cimitero, per fare un esempio. Dunque, da un lato ci sono alcune pianificazioni, dall’altro mancano i provvedimenti amministrativi consequenziali.


Tutti servizi fondamentali, in ogni caso. A fronte di questa emergenza, l’Amministrazione comunale, proprio in queste ore, pare che stia predisponendo un bando di gara relativo ai parcheggi.
Un provvedimento che appare lontano dai tempi post Covid, quando le famiglie sono già in grave difficoltà.“Le notizie che rimbalzano dagli organi di stampa relativamente all’affidamento a privati di alcuni parcheggi di interscambio della città – dichiara Michele Mangiafico – non trovano alcuna corrispondenza nel Documento Unico di Programmazione 2020-2022 approvato dall’Amministrazione comunale guidata da Francesco Italia in allegato al Bilancio di previsione 2020, approvato lo scorso 10 gennaio. Non facciamo riferimento soltanto al capitolo specifico “Mobilità e Trasporti” di pagina 18, ma anche ai riferimenti ai parcheggi cittadini presenti e futuri inseriti nel resto del documento. Si tratterebbe, dunque, di una iniziativa politica che non solo non asseconda alcuna programmazione, ma che interviene in piena pandemia – se corrisponde al vero – ovvero in un contesto storico particolarmente delicato dal punto di vista della situazione economica delle famiglie siracusane. E con quali obiettivi economici? Nel rendiconto 2018 risulta incassata, da parte del Comune di Siracusa, attraverso il sistema dei parcheggi la cifra di 1.312.693,00 euro. Nel 2019, la stessa voce di entrata ha raggiunto quasi quota 2 milioni di euro, benché a fine anno siano iniziati una serie di ripetuti disservizi, negli ingressi e nelle uscite, di alcuni parcheggi di interscambio. L’Amministrazione comunale ritiene di incassare di più attraverso la gestione dei privati? Esiste un indirizzo politico in tal senso? Guarda alle entrate provenienti dal turismo oppure, anche alla luce della pandemia, questi incassi graverebbero sulla cittadinanza? Si tratterebbe, in ogni caso, di un cambio di direzione che “sconfesserebbe” il percorso storico del centro-sinistra, cui si deve in questi anni l’internalizzazione di alcuni servizi molto remunerativi per il Comune. Bisognerebbe vedere con quali nuovi obiettivi per la comunità”. 

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: