SIRACUSA. CARABINIERI ESEGUONO UNA MISURA CAUTELARE NEI CONFRONTI DI UN GIOVANE RITENUTO RESPONSABILE DI VIOLENZA SESSUALE AGGRAVATA.

Nella giornata  di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Siracusa, all’esito di una articolata indagine
diretta dal Procuratore Fabio Scavone, coordinata dal Pubblico Ministero Francesca Eva, hanno dato
esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Siracusa,
su richiesta avanzata dalla locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 21enne siracusano
ritenuto responsabile di violenza sessuale aggravata commessa ai danni di un ragazzo, 15enne, ma al
momento in cui si riferiscono i fatti infra quattordicenne, essendo infatti gli episodi di violenza
perdurati nel periodo 2016 – 2019.
Le indagini sono partite dalla segnalazione di una conoscente della vittima, che avuta contezza di
alcune conversazioni WhatsApp dal chiaro contenuto a sfondo sessuale, ha immediatamente
denunciato il tutto ai Carabinieri. Da quel momento i militari, hanno sentito le persone che potessero
riferire elementi utili alle indagini ed hanno effettuato una serie di accertamenti telematici ed
informatici sui dispositivi elettronici portatili della vittima e del presunto autore del reato, che hanno
permesso di raccogliere concordanti indizi di colpevolezza in ordine all’avvenuta violenza sessuale.
Per questo motivo, l’Autorità Giudiziaria, ritenendo concreto ed attuale il pericolo per la genuinità e
l’acquisizione della prova, nonché esistente la possibilità di reiterazione delle condotte criminose, ha
disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del 21enne
siracusano.

Condividi

Lascia un commento

Nome
Email
Sito web