Se Siracusa non brilla in fatto di impianti sportivi il motivo è da ricercare nella mancata programmazione, sebbene lo scorso anno l’Italia abbia raccolto i frutti di un buon lavoro in parecchie discipline, dal nuoto alla pallavolo, dalla scherma al judo, dall’atletica al motociclismo.
“Se la nostra città,– dice il leader di “Civico 4”, Michele Mangiafico – nell’ambito del più complesso sistema Paese, occupa posizioni di retroguardia anche in ambito sportivo, la regione è proprio legata alla mancanza di programmazione, ad una gestione declinata sulla base dell’emergenza, al disinteresse – oltre la retorica – per l’impiantistica sportiva pubblica”.

Nel maggio del 2021, ricostruisce “Civico 4”, l’Amministrazione comunale riprende in mano la gestione diretta della Cittadella dello Sport.
“Il risultato, dopo otto mesi, è sotto gli occhi di tutti.– spiega Mangiafico– La piscina ha subito lo scotto di una manutenzione scadente, del mancato ripristino della caldaia, le temperature al di sotto degli standard hanno reso proibitive le attività sportive. La città sopporta l’ennesimo annuncio del ripristino delle condizioni di salubrità e agibilità nel mese di febbraio.”
I problemi sono anche per quanto riguarda il mondo del calcio, tanto amato dai cittadini. “Nello stadio “Nicola De Simone”, la scopertura della lastra della tribuna centrale ha reso inagibile il settore, costringendo i tifosi da oltre un mese ad assistere alle partite in tribuna laterale. L’assenza di interventi alla data odierna è la dimostrazione della scarsa reattività di fronte ai problemi dell’attuale classe dirigente.In pochi, oramai, parlano della vandalizzazione del centro sportivo e di aggregazione di via Lazio, sulla cui chiusura e sul cui contenzioso le responsabilità dell’Amministrazione sono pesanti. È stata sottratta alla città una delle più importanti aree di recupero sociale attraverso lo sport, in uno dei quartieri che maggiormente hanno risentito in questi cinque anni dell’arretramento delle istituzioni comunali.”

“Civico4”, in questo ultimo scorcio di mandato amministrativo, chiede interventi urgenti e risposte concrete.
“Non è più tempo di programmi declinati al futuro di fronte al capolinea del giudizio elettorale. – conclude Mangiafico – Siracusa deve voltare pagina rispetto al pressapochismo, alla disattenzione e alla faciloneria. Le immagini attuali di questi impianti consegnano agli elettori abbondanti strumenti di valutazione.

Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: