Siracusa. Dal 1° al 3 settembre Giornata mariana con tutti i sacerdoti della Sicilia

Primo piano – Pagina 3 – Chiesa di Siracusa

Dal 1° al 3 settembre si terrà a Siracusa un incontro di fraternità sacerdotale per tutti i sacerdoti delle Chiese di Sicilia sul tema “Il presbiterio profezia di fraternità”. Nell’ambito dell’iniziativa della commissione presbiterale siciliana sarà celebrata anche la XXIX Giornata sacerdotale mariana. “Il tema scelto per queste giornate – ha spiegato l’arcivescovo di Siracusa, mons. Francesco Lomanto – prende spunto dal primo sommario degli Atti degli Apostoli che, raccontando i primi passi della Chiesa Apostolica, ci offre l’ideale della vita della Chiesa: “Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere” (At 2,42). Come San Paolo anche noi trascorreremo tre giorni a Siracusa in semplicità di spirito per condividere la gioia di stare insieme e di essere sacerdoti del Signore, non come isole di un grande arcipelago, ma come fratelli che condividono la stessa fede in Dio, l’amore alla Chiesa e alla Madonna”. “Il nostro stare insieme – ha proseguito Lomanto – nella comunione del Signore e nella fraternità sacerdotale è profezia, testimonianza di fraternità e partecipazione alla preghiera di Gesù che pregando il Padre consegna il suo testamento di amore: «Tutti siano una cosa sola. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato» (Gv 17,21) ”.  “È per me motivo di gioia potervi accogliere a Siracusa, dove la Madonna ha donato alla Chiesa l’inesauribile segno delle sue Lacrime. Proprio in quei giorni sarà possibile venerare da vicino il quadretto miracoloso della Madonna delle Lacrime attraverso una pedana appositamente preparata. Mi piace concludere questa mia lettera con le stesse parole che Papa Francesco ha donato a me a Roma lo scorso 29 giugno: «Coraggio, la Madonna delle Lacrime ci custodisce”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: