Siracusa, finiscono a Cavadonna due presunti autori di un tentativo di delitto

Nella pomeriggio di ieri, la Squadra Mobile e l’Aliquota Operativa del Norm  dei Carabinieri hanno dato esecuzione a fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica, presso il Tribunale di Siracusa, a carico di Carmelo Cassia, siracusano di 26 anni ed Angioletto Latina, 23enne di Siracusa, ritenuti responsabili del ferimento con arma da fuoco avvenuto il 20 settembre scorso , in danno di un giovane all’interno di un bar.

In quella data, il giovane, ferito da un colpo di arma da fuoco alla gamba sinistra, si era presentato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Umberto Primo di Siracusa.

Le immediate indagini, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, svolte dal personale della locale Squadra Mobile e dai Carabinieri, hanno consentito di ricostruire che il ragazzo aveva avuto un alterco con due clienti, riconosciuti in Carmelo Cassia e Angioletto Latina, i quali si erano allontanati dal bar, tornando poco dopo.

A quel punto, secondo la ricostruzione degli Inquirenti, il Cassia aveva esploso all’indirizzo della vittima, da distanza ravvicinata, un colpo di arma da fuoco che aveva attinto la parte offesa alla gamba sinistra.

Le immediate ricerche dei due giovani avevano dato esito negativo, in quanto i due indagati si erano resi irreperibili.

Nella giornata di ieri la Procura della Repubblica di Siracusa ha emesso fermo di indiziato di delitto ed i due sono stati rintracciati dalla Polizia di Stato e sottoposti al fermo del P.M. dalla Squadra Mobile e dal Nucleo Operativo dei Carabinieri.

E’ stata inoltre sequestrata l’arma modificata usata per il ferimento.

Dopo le formalità di rito, i due presunti autori sono stati posti a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa e associati presso la locale casa circondariale.

 

 

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: