Siracusa, il 21 febbraio “A scuola di corto”

– Definito il programma del prossimo incontro di “A scuola di corto”, il progetto dell’assessorato alle Politiche educative per la  diffusione della cultura della legalità e dedicato al tema “Le vittime sconosciute della mafia”. L’appuntamento è fissato per il 21 febbraio, alle 9,30, al liceo scientifico “Luigi Einaudi” (in via Canonico Nunzio Agnello); è l’ultimo di quelli aperti al contributo di relatori esterni al mondo della scuola.

          Davanti agli studenti dei nove istituti superiori che stanno partecipando al progetto, interverranno: il magistrato Antonio Nicastro, sostituto procuratore generale presso al Corte d’appello di Catania; Salvo Palazzolo, cronista del quotidiano “La Repubblica” e profondo conoscitore di Cosa nostra; la dirigente scolastica Valentina Grande.

          In apertura di lavori, oltre alla dirigente del liceo Einaudi, Teresella Celesti, porteranno il loro saluto il sindaco, Francesco Italia, e l’assessore alle Politiche educative, Pierpaolo Coppa; l’assessore alla Legalità, Fabio Granata terrà un intervento introduttivo prima di dare la parola ai relatori. In programma c’è anche una breve performance dell’attrice Deborah Lentini e del chitarrista Marcello Cappellani dedicata a Felicia Impastato.

            Il progetto fa parte del  Piano dell’offerta formativa territoriale per l’anno scolastico in corso. Esso è coordinato dal funzionario del Comune Giuseppe Prestifilippo e intende  promuovere la crescita competente e responsabile degli studenti del territorio attraverso la creazione di strumenti efficaci alla diffusione della legalità e al contrasto di fenomeni come il disagio e l’emarginazione.             Sono coinvolti istituti comprensivi e scuole superiori impegnati nella realizzazione di 15 cortometraggi che saranno presentati il 30 aprile in  coincidenza con la giornata  regionale del ricordo e della legalità

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

x Close

Like Us On Facebook

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: