SIRACUSA. IL PRESIDENTE DI FEDERFARMA CARUSO: “BASTA FAKE NEWS, LE MASCHERINE SONO UTILI, DIFFIDATE DAI SENSAZIONALISMI DEL WEB”

Coronavirus: filiere locali di imprese per la produzione di ...

“Il panorama dei complottismi e delle fake news, il cui unico obiettivo è terrorizzare la cittadinanza per poi collezionare proficui click a pagamento, si è arricchito in questi giorni di un nuovo nemico sul quale focalizzare l’attenzione, ossia le mascherine”. Ad intervenire è Salvatore Caruso, Presidente di Federfarma Siracusa, provando a fare chiarezza in un momento nel quale, passata la fase acuta dei contagi da Covid-19, è comunque necessario tenere altissima l’attenzione.
“Al di là delle fantasiose tesi terroristiche diffuse via web – spiega il dottor Caruso – immaginare l’utilizzo della mascherina chirurgica come causa di danni irreversibili metterebbe in dubbio decenni di pratica medica, nella quale proprio in sala operatoria, a volte per interventi di molte ore, chirurghi e assistenti hanno indossato questo indispensabile presidio medico”.
“Niente panico allora, semmai quella di indossare una protezione dovrà diventare una buona abitudine, nel rispetto di chi ci sta accanto – prosegue Salvatore Caruso – perché ogni tipo di mascherina o anche la semplice copertura delle vie aeree principali con foulard o sciarpe contribuisce a ridurre il famigerato <<droplet>>, ossia le goccioline di saliva spesso veicolo di trasmissione del virus”.
“Nessun <<lento suicidio>> dunque ma al contrario una pratica che, insieme al distanziamento sociale e all’igiene delle mani e delle superfici, sta contribuendo a ridurre significativamente il tasso di contagio – illustra ancora il presidente Caruso – fatto che si può verificare ad esempio proprio con la bassa incidenza del virus tra i farmacisti, sempre aperti anche nei momenti più critici ma che hanno indossato con regolarità i dispositivi di protezione”.
“Indossate pure tranquillamente le mascherine – conclude Salvatore Caruso – rispettando al contempo tutte le altre prescrizioni di sicurezza e insieme, gradualmente, impareremo prima a convivere con questo virus e poi, finalmente, a sconfiggerlo”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: