Siracusa. In arrivo 20 milioni di euro per le periferie della città

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 26-04-2021 Roma Politica Camera dei Deputati - Comunicazioni del Presidente del Consiglio Mario Draghi sul Recovery plan Nella foto Il PNRR Photo Roberto Monaldo / LaPresse 26-04-2021 Rome (Italy) Chamber of Deputies - Communications by Prime Minister Mario Draghi on the Recovery plan

Sono in arrivo ben 20 milioni di euro per le periferie di Siracusa. Il finanziamento servirà per dare maggiore decoro al quartiere Tiche e per il recupero architettonico, ed anche in chiave di efficientamento energetico, di case popolari e scuole.

Lo stanziamento proviene dal ministero dell’Interno che, attraverso un apposito decreto, ha dato il via libera ai finanziamenti nell’ambito di un programma nazionale destinato ai Comuni e previsto nel Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

Nello specifico la ripartizione della somma sarà articolata nel seguente modo: la fetta più grande del finanziamento, ammontante a 10 milioni di euro, sarà destinata alle case popolari di Grottasanta, in particolare a quelle di largo Luciano Russo e di via Luigi Sturzo. Saranno effettuati interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico in linea con le finalità del Pnrr.

Ammonta a circa 6,9 milioni, poi, la somma destinata a un grande archeoparco urbano, alle spalle del palazzo di giustizia, tra viale Santa Panagia e viale Scala Greca. Sarà realizzato un polmone verde che valorizzerà una zona di valore storico, come testimoniano i tanti ritrovamenti di reperti avvenuti negli anni in occasione di lavori; con la stessa somma dovranno essere recuperate alcune strade del quartiere Tiche.

Infine gli altri tre milioni saranno destinati a tre istituti comprensivi: sono la scuola “Costanzo” di viale Santa Panagia; la “Martoglio” di via Monsignor Caracciolo; e la “Wojtyla” di via Tucidide. Anche queste somme saranno destinate all’efficientamento energetico. Soddisfatto il sindaco, Francesco Italia, che ha dichiarato: “Eravamo in attesa di questa notizia da qualche giorno, ma il nostro compiacimento è stato ancora più grande perché sono stati ammessi tutti e cinque i progetti presentati, obiettivo per nulla scontato e per il quale abbiamo dovuto spendere tutta le nostre capacità e competenze nel dimostrare l’importanza di tali opere”.

“Non avremmo potuto ricevere notizia migliore in chiusura dell’anno e all’apertura del nuovo – ha proseguito il primo cittadino -. In conferenza stampa, avevo parlato dell’enorme sforzo della nostra Amministrazione per traguardare ulteriori finanziamenti nell’ambito della rigenerazione urbana, dei parchi cittadini, delle case popolari e delle scuole. Continuiamo a impegnarci con entusiasmo e senso di responsabilità nella certezza che, grazie al lavoro di Giunta e uffici, gli anni a venire vedranno una riqualificazione complessiva e senza precedenti di ampie porzioni del territorio consegnate da tempo alla marginalità”.

Siracusa. Il nuovo sindaco, Francesco Italia, ha giurato nella scuola  “Giovanni Verga” - Siracusa Times

“Non credo possano esistere – ha concluso il sindaco Italia -risposte migliori a chi tenta quotidianamente di delegittimare i nostri sforzi e quelli dell’intera macchina amministrativa”.

Con questo finanziamento è la terza volta che l’Amministrazione comunale aretusea riesce ad intercettare i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Gli altri sono i 28 milioni di “Qualità dell’Abitare” per due progetti di rigenerazione urbana ad Akradina e nel rione di Bosco Minniti; i sei milioni per la realizzazione di due nuovi poli per l’infanzia a Cassibile e in contrada Carrozziere.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: