SIRACUSA. LAVORI IN VIALE PAOLO ORSI, VINCIULLO: “GIUNTA E SINDACO DANNO UNA CATTIVA IMMAGINE DELLA CITTÀ”

“Il caos più totale, da mesi, domina l’ingresso sud di Siracusa, all’altezza della rotatoria del viale Paolo Orsi, a causa di una gabbia di metallo che, posta al centro della corsia in entrata, impedisce il regolare svolgimento del traffico”. Lo dichiara Vincenzo Vinciullo.
“A ciò si è aggiunto – afferma l’esponente di “Siracusa protagonista” -recentemente, anche la chiusura del viale Ermocrate e il restringimento, sempre in entrata, del viale Mario Gaetano Columba”.
“Di conseguenza – ha proseguito Vinciullo – in tutte le ore, ma soprattutto la mattina, la fila degli automezzi arriva fino ed oltre il Cimitero Angloamericano, costringendo gli sfortunati automobilisti a perdere decine di minuti per entrare in città e coinvolgendo gli autobus che trasportano gli studenti pendolari che arrivano sistematicamente in ritardo a scuola. All’interno della gabbia metallica i lavori sono fermi da settimane e non si capisce quindi il motivo per cui non viene rimossa. I lavori sono fermi anche sul viale Ermocrate, anziché procedere speditamente anche di notte e negli orari pomeridiani, come sarebbe opportuno e necessario”.
“Mi chiedo – ha continuato Vinciullo – se qualche esponente dell’Amministrazione Comunale di Siracusa, qualche volta ha avuto modo di accorgersi di quanto sta accadendo, dal momento che centinaia di cittadini hanno e continuano a denunciare questo disservizio insopportabile in una città civile. È chiaro che se non sono a conoscenza di ciò che sta accadendo dovrebbero dimettersi e se, invece, hanno contezza di ciò, perché non fanno nulla per risolvere il gravissimo problema? Anche in questo secondo caso le dimissioni sarebbero un obbligo politico e morale, dal momento che vengono lautamente pagati ogni fine mese dai siracusani”.
“È evidente – ha concluso Vinciullo – che questa Giunta e il suo Sindaco non sono assolutamente in grado di affrontare e risolvere i problemi dei siracusani, dando, contemporaneamente, una cattiva immagine della nostra Città a coloro che la visitano o sono costretti a venire a Siracusa per svolgere la propria attività”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: