Siracusa. Pallanuoto, l’Ortigia pronta per il debutto in campionato: le dichiarazioni del neocapitano Christian Napolitano

Una delle novità dell’Ortigia che si prepara per il suo esordio ufficiale nella stagione 2021/2022 (primo turno di coppa Italia nel weekend 17-19 settembre) è il ruolo di capitano. Dopo l’addio di Giacoppo, i gradi di capitano del gruppo biancoverde sono infatti passati a una delle bandiere di questa società: Christian Napolitano.
Nato e cresciuto sportivamente con l’Ortigia, dopo una parentesi a Brescia e tornato a lottare da protagonista per i
colori del club della sua città. Il centroboa biancoverde, che quest’anno è tornato nel giro della Nazionale a 39 anni,
avrà il compito di rappresentare e guidare i suoi compagni di squadra durante una stagione nella quale l’Ortigia lotterà
su tre fronti per migliorare ulteriormente i risultati strepitosi ottenuti in questi ultimi quattro anni.
“Per me essere capitano dell’Ortigia – afferma Napolitano – è una grande soddisfazione, perché sono figlio di questa
società, sono cresciuto alla Cittadella dello Sport. Sarà una gioia per me rappresentare il club e i miei compagni di
squadra. Certo, è un grande orgoglio sentirsi chiamare capitano, e io cercherò di diventare ancora più un punto di
riferimento, sia per i più giovani che per i meno giovani, ma non cambia nulla per me a livello di rapporto con la
squadra, perché è un gruppo di bravi ragazzi, facile da gestire”.

Venti anni di carriera e non sentirli: l'Ortigia celebra Christian  Napolitano – Circolo Canottieri Ortigia


“Rispetto a quando ero giovane – continua il centroboa siracusano – sono cresciuto, sono cambiato mentalmente, e
credo che questo ruolo sia una ricompensa per quello che ho fatto in tutti questi anni. Dopo la parentesi a Brescia, che
è stata bella ma durante la quale, specialmente nell’ultimo periodo, mi ero un po’ perso, tornare a Siracusa mi ha
ridato tutto, grazie al lavoro e all’ambiente che ho trovato. Essere capitano pertanto è la consacrazione di questo
percorso. Per un siracusano, ortigiano come me, è il massimo. Ma questo non mi spinge a montarmi la testa, rimango
sempre umile e penso a lavorare sempre di più per la squadra”.
Il nuovo capitano biancoverde parla poi della rosa a disposizione di mister Piccardo: “Abbiamo tanti giovani –
sottolinea Napolitano – sui quali la società ha deciso di puntare. Inoltre, è arrivato Filip Klikovac, che ci darà una mano
importante. Saremo due ottimi centroboa, fisicamente molto presenti, e questo ci sarà molto utile perché aumenta la
forza al centro. I giovani ci aiuteranno tanto, perché come dico sempre noi spingiamo loro e loro spingono noi. La
società ha fatto una scelta e a noi non dispiace. Sarà una squadra nuova, sarà tutto nuovo. Ne parlavamo con
Tempesti, siamo molto curiosi di vedere come si imposterà tutto. Stiamo lavorando tantissimo con il mister, ora
aspettiamo i cinque nazionali impegnati al mondiale Under 20, poi tra due settimane ci sarà la coppa Italia”.

Christian Napolitano (foto di Maria Angela Cinardo – Mfsport.net) |  Webmarte.tv - Notizie e Informazioni in Sicilia


Napolitano, infine, risponde a quei pochi che vedono l’Ortigia ridimensionata nella forza e nelle aspettative: “Quello
che è il passato ormai lasciamocelo dietro le spalle, ora è tutto nuovo. Sono andati via Giacoppo e Rocchi, li
ringraziamo per quello che hanno dato, ma ormai sono il passato. Adesso si riparte, ci sono tanti siracusani, tanti
ragazzi che hanno fame e voglia di vincere, ci siamo noi anziani che vogliamo ancora fare qualcosa di importante.
L’Ortigia è sempre competitiva, perché i giovani sono cresciuti e, anzi, secondo me il livello qualitativo del gioco si è
alzato ancora di più, perché c’è una maggiore velocità, più esplosività e anche più peso al centro. Crediamo molto in
questa squadra e andiamo avanti per la nostra strada”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: