Il sindaco di Siracusa, Francesco Italia e l’assessore Concetta Carbone hanno presentato alla sala “Ferruzza Romano” del Plemmirio i 13 progetti di Democrazia partecipata ammessi a consultazione popolare per l’annualità 2021 per concorrere all’assegnazione dei 50mila euro disponibili. Ogni progetto potrà beneficiare di un massimo di 15mila euro. Grazie alla collaborazione con la no profit messine “Parliament Watch Italia” che al tema della democrazia partecipata dedica l’iniziativa “Spendiamoli Insieme” e che si
avvale di un partenariato tecnologico con la milanese BIPart, quest’anno sarà possibile esprime la preferenza solo on line dal 5 al 26 agosto.
“Tutti progetti- dichiarano il sindaco e l’assessore – sono quasi un compendio delle tante forme in cui i cittadini sono capaci di declinare il proprio amore per la città e la voglia di impegnarsi per migliorarne il presente e il futuro. Un protagonismo civico che è il principale e irrinunciabile valore dei processi di partecipazione comunitaria. E d’altronde questa partecipazione, che noi abbiamo sempre auspicato, ci
permette di conoscere esigenze o individuare soluzioni a problematiche che spesso possono sfuggire anche agli amministratori più attenti”.

Grazie all’intesa con PWI i siracusani potranno esprimere la propria preferenza attraverso la piattaforma digitale https://spendiamolinsieme.bipart.it/, nella quale si trovano riepilogate tutte le informazioni utili alla valutazione dei cittadini. Un meccanismo che agevola le scelte della collettività facilitando al contempo i lavori di “spoglio” da parte degli uffici comunali.
Parliament Watch Italia analizza i processi di partecipazione dei Comuni siciliani, raccogliendo e pubblicando su www.spendiamolinsieme.it tutte le informazioni reperibili, anno per anno e territorio per territorio, dal 2016 a oggi.
“L’attività sviluppata per Siracusa – ha detto da remoto Giuseppe D’Avella di Parliament Watch – ci sta “insegnando” il valore delle relazioni, umane, professionali, civiche e politiche. La piattaforma software ha l’obiettivo di mettere in rete le Amministrazioni virtuose, i cittadini, e le Amministrazioni con i cittadini attraverso lo scambio di informazioni per sviluppare un effetto moltiplicatore. Questo deve essere uno sforzo di tutti e può avvenire solo considerando la nostra attività e quella delle Amministrazioni con i
bilanci partecipativi come uno percorso partecipativo comune”.

Democrazia partecipata. I progetti

Ecco le idee progettuali proposte dai cittadini e tra le quali i siracusani dovranno scegliere quelle più
meritevoli di attuazione:
“Cartellonistica bilingue per le Mura Dionigiane” (presentato da Daniele Valvo, area tematica
Politiche culturali, sportive e promozione turistica) prevede di installare cartellonistica bilingue (in
italiano e in inglese) lungo l’antico tracciato delle Mura Dionigiane, in particolare in 20 luoghi di
interesse lungo la pista ciclabile e la balza di viale Epipoli con vista sul Porto Grande, così da
promuovere la consapevolezza della cittadinanza e da valorizzare il territorio attraverso percorsi
turistici e didattici.
“Mamme e papà… non più soli” (presentato da Paolo Bonarrio, area tematica Politiche giovanili,
scolastiche, sociali, pari opportunità) prevede l’affiancamento di genitori single da parte di
operatori formati in attività quali periodi di babysitteraggio, accompagnamento dei bambini a
scuola o a svolgere altre attività (sport, lezioni private, gite d’istruzione, momenti di svago)
selezionando i genitori da affiancare secondo le priorità e su base ISEE.
“Parcheggio La Fenice Via Taormina” (presentato da Maria Grande, area tematica Opere
pubbliche e rigenerazione urbana) prevede l’intervento per rendere fruibile e funzionale tutto
l’anno l’area del parcheggio non adibita alle auto; ciò attraverso l’installazione di 6 sedute, di
rastrelliera per tavole da surf, di rastrelliera per biciclette, di ulteriori 2 docce in funzione tutto
l’anno, la sistemazione di pavimentazione e aiuole, la pulitura del muro perimetrale.
“Parco del Borgo” (presentato da Angelo Spada, area tematica Ecologia, ambiente, decoro
urbano) prevede la realizzazione di un giardino pubblico in un quartiere privo di verde,
precisamente nell’area comunale all’angolo fra Via Nazionale e Via della Caserma, attraverso
tracciamento di percorsi interni, creazione di spazi per giochi per bambini e attività varie, pulizia e
potatura degli alberi, sistemazione dell’ingresso e creazione di nuovi ingressi e della promenade
sotto gli ulivi.
“Parco di via Sicilia” (presentato da Stefano Gugliotta, area tematica Opere pubbliche e
rigenerazione urbana) prevede nel quartiere di Grottasanta (area di fronte al civico 34 di via Sicilia,
ceduta al Comune di Siracusa e parzialmente rivalutata dall’Associazione Accademia delle
Musae) la realizzazione di area gioco polifunzionale, area a verde attrezzata per il gioco e area a
parcheggio così da creare un luogo per la socialità degli abitanti e per manifestazioni e iniziative
delle associazioni del territorio.
“Piedi liberi – Largo Empedocle” (presentato da Francesco Moncada, area tematica Opere
pubbliche e rigenerazione urbana) prevede lo spostamento dello spazio riservato a parcheggio
(senza togliere posti macchina) in favore dell’aera pedonale tramite un intervento di Urbanistica
Tattica con pitture stradali a terra, con lo scopo di dare maggiore spazio di fruizione ai pedoni, maggiore sicurezza a tutti coloro che vanno a piedi ma anche maggiori opportunità alle attività che si svolgono nel luogo.
“RianimiAMO SIRACUSA” (presentato da Samuele Castrogiovanni, area tematica Sanità)
prevede la divulgazione delle manovre salvavita su arresto cardiocircolatorio attraverso corsi
gratuiti, azioni di sensibilizzazione rispetto ai protocolli in grado di scongiurare eventi infausti e la
dotazione di defibrillatori semi-automaci (in teche tenno-riscaldate a protezione dalle intemperie)
all’esterno di locali videosorvegliati con una stretta vicinanza con punti di aggregazione giovanile e
sportiva.
“Rifiutiamoci – Un giardino per Ortigia” (presentato da Walter Mulè, area tematica Ecologia,
ambiente, decoro urbano) prevede la riqualificazione del litorale di Ortigia attraverso un intervento
di pulizia, la realizzazione di aiuole, la piantumazione di specie arboree mediterranee e
l’integrazione di questa area a verde in un percorso che potrà essere sfruttato da scolaresche,
associazioni o privati cittadini per conoscere arbusti e piante endemiche del territorio.
“Riqualificazione Piazza Conte Rosso” (presentato da Barbara Anastasi, area tematica
Ecologia, ambiente, decoro urbano, cura dei Beni Comuni) prevede interventi integrati
(riorganizzazione funzionale e riconfigurazione degli spazi, ricollocazione di attrezzature già
esistenti e posa in opera di nuove, piantumazioni, videosorveglianza, dissuasori di velocità) per
far divenire la piazza luogo di riferimento della comunità del borgo di Cassibile, dove mancano
spazi pubblici attrezzati.
“Riqualificazione sostenibile Costa Arenella” (presentato da Alessandro Caia, area tematica
Ecologia, ambiente, decoro urbano, Opere pubbliche e rigenerazione urbana) prevede il
ripopolamento delle specie arbustive e arboree di circa un ettaro di zona balneare, l’Arenella, circa
8 km a sud dalla città, realizzando così un boschetto che servirà, oltre a incrementare il verde,
anche come luogo ideale per il tempo libero nonché come attrazione turistica e valore aggiunto
per gli immobili e le attività circostanti.
“Scerbatura aggiuntiva ai territori periferici extraurbani” (presentato da Giuseppe Santo, area
tematica Ecologia, ambiente, decoro urbano) prevede per le aree non ordinariamente curate dal
Comune di incrementare (in particolare nei mesi estivi) le operazioni di scerbatura per la
rimozione di piante infestanti spontanee che crescono sui marciapiedi o a bordo strada e che
impediscono una corretta mobilità in piena sicurezza di pedoni ed automezzi.
“Sport & friends” (presentato da Rossana La Monica, area tematica Politiche giovanili, politiche
sportive) la sistemazione all’interno del Parco Robinson di Bosco Minniti dei due campi da
basket/calcetto presenti e la realizzazione di un nuovo campo di pallavolo, così da promuovere
sane abitudini di vita fondate sulla pratica sportiva aperta a tutti consentendo ai cittadini di
riappropriarsi di un’area poco valorizzata e spesso oggetto di atti di vandalismo.
“Tangram: Mini Park urbani Smart” (presentato da Salvatore Tuccitto, area tematica
Viabilità/mobilità e innovazione tecnologica) prevede l’installazione, anzitutto nel quartiere
Borgata, secondo centro storico di Siracusa, di mini parchi con seduta pensati per accogliere non
solo fiori e piante ma anche una serie di funzioni smart affidandone la gestione ad associazioni o
istituti scolastici, per far vivere in prima persona il progetto e promuovere il rispetto del bene
comune.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: