“Il tempio è sacro perché non è in vendita” è lo striscione che campeggia sul palazzo di CasaPound a Siracusa per commemorare i 50 anni dalla morte del poeta. In tutta Italia sono state poi affisse poesie di Pound sui luoghi più importanti e significativi delle città.

“Ezra Pound è stata una delle più grandi figure del ‘900 e ha pagato senza alcuno sconto la sua adesione a idee e valori non più accettabili da un Occidente asservito e abbruttito. – afferma CasaPound in una nota – Idee e valori, quelli di Pound, che fanno ancora paura: i tentativi di “defascistizzare” il poeta sono la dimostrazione dell’incapacità dei più di comprenderne la vita e l’opera.“

“Erza Pound fu poeta e profeta: i suoi versi e i suoi scritti sono un invito ad avere il coraggio di portare avanti una visione del mondo altra, un modo di agire altro in un’Europa – scrive CasaPound – che sta andando a scatafascio. Noi, che non a caso abbiamo deciso di portarne il nome, vogliamo raccogliere l’invito e la sfida, per far sì che questo mondo non perda coraggio e, come Pound gridava ai giovani artisti avanguardisti “Make it new!”, noi gridiamo a questa nazione WE BELIEVE IN THE RESURRECTION OF ITALY e faremo di tutto per vederla rialzarsi”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: