Continuano, senza sosta, i controlli posti in essere dai militari della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Siracusa nell’ambito della filiera della pesca a tutela della risorsa ittica e dei consumatori.

Nei giorni scorsi lungo il litorale del versante nord di Siracusa, caratterizzato da anfratti rocciosi che si prestano particolarmente alla pesca subacquea di frodo svolta spesso in orari notturni e con l’utilizzo di strumentazione non consentita, i militari hanno intercettato un sub non professionale che aveva appena ultimato la cattura di circa 250 esemplari di “riccio di mare” (Paracentrotus lividus). Con l’occasione la Capitaneria rammenta, che il numero massimo al giorno di ricci catturabili, per un sommozzatore privo di licenza professionale, è di 50 esemplari. Oltre ad elevare al trasgressore la sanzione amministrativa di 2.000 euro, il prodotto ittico, ancora vivo, è stato sequestrato e, successivamente, riposto in mare.

Nella mattinata di ieri ha avuto luogo un’altra operazione di Polizia Marittima della Guardia Costiera aretusea a tutela della specie ittica che si è conclusa con il sequestro di circa 42 kg di pescato (della specie tunnide), a carico di un pescatore sportivo di rientro da una battuta di pesca, tra cui un esemplare di pesce spada avente la taglia minima non consentita dalle normative nazionali e unionali.

Allo stesso contravventore veniva sequestrato l’attrezzo da pesca, del tipo “palangaro”, non conforme alla normativa di settore e, per la medesima fattispecie illecita, sono state elevate due sanzioni amministrative per un ammontare di 1.300 euro. La risorsa ittica oggetto di sequestro, a seguito di ispezione organolettica da parte di personale veterinario dell’ASP8 di Siracusa, veniva giudicata idonea al consumo umano e, pertanto, donata a enti caritatevoli aretusei.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: