SIRACUSA. SOTTRAE 585 LITRI DI GASOLIO IN UN DEPOSITO: I CARABINIERI LO ARRESTANO

La notte scorsa i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siracusa nell’ambito
dei servizi di prevenzione dei reati contro il patrimonio nelle aree periferiche del capoluogo aretuseo,
hanno tratto in arresto, per il reato di furto aggravato, Vincenzo Vinci siracusano di 47 anni, impiegato,
pregiudicato.
I militari della Compagnia Carabinieri di Siracusa, dopo aver notato alcuni movimenti anomali nei pressi di un deposito carburante nella zona periferica della città, decidevano di tenere sotto osservazione l’area di interesse. Durante tale attività, i Carabinieri notavano la presenza del Vinci, intento a trasportare alcune taniche di benzina di varie dimensioni con l’intento di caricarle nella propria autovettura, attraverso un varco ricavato nella recinzione perimetrale. L’uomo è stato colto sul fatto ancora con il bagagliaio aperto della propria autovettura, venendo immediatamente fermato dai Carabinieri operanti senza concedergli alcuna possibilità di fuga.
I militari hanno rinvenuto, sia nell’autovettura che nelle adiacenze del luogo:
· nr. 26 taniche di varie dimensioni contenenti un totale di lt. 585 di benzina;
· nr.1 smerigliatrice angolare a batteria e nr.1 mazza in acciaio con impugnatura in legno,
verosimilmente utilizzate per accedere nel deposito.
La refurtiva recuperata, pertanto, è stata interamente restituita ai legittimi proprietari mentre il Vinci,
accompagnato presso i locali della Compagnia Carabinieri di Siracusa, ultimate le formalità di rito è stato
sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, come disposto dalla Autorità Giudiziaria
competente.
L’arrestato, inoltre, contravvenendo alle disposizioni previste nel decreto relativo alle misure di contenimento del coronavirus, è stato sanzionato amministrativamente, in quanto individuato in orario non consentito fuori dalla propria abitazione.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: