SIRACUSA, TENTA UNA RAPINA IN UN UFFICIO POSTALE DI BELVEDERE SEQUESTRANDO IL PERSONALE ALL’INTERNO PRESENTE: ARRESTATO DAI CARABINIERI

Alle 13.30 circa di ieri i Carabinieri della Compagnia di Siracusa, sono intervenuti presso l’ufficio postale di Belvedere per una rapina in atto. 

Nello specifico, i Carabinieri di Belvedere hanno ricevuto il primo allarme rapina dall’ufficio postale di Belvedere e sono immediatamente intervenuti sul posto ove hanno riscontrato la presenza del rapinatore ancora all’interno dell’ufficio postale che allo scopo di farsi consegnare denaro contante dal personale dipendente, puntava loro ripetutamente una pistola priva di tappo rosso, solo successivamente scoperta essere un giocattolo.   

A questo punto è giunto sul posto personale di rinforzo dalla Compagnia di Siracusa che ha provveduto immediatamente a cinturare la zona e ad avviare una fase di negoziazione al fine di far rilasciare un addetto alle pulizie dell’ufficio postale che aveva accusato un malore e si era accasciato a terra. Dopo alcuni minuti il rapinatore, successivamente identificato in Latella Angelo, 34 enne, disoccupato calabrese con precedenti di polizia, ha finalmente acconsentito al rilascio dell’uomo che appena liberato è stato assicurato al personale sanitario del 118. Alcuni istanti dopo il Latella ha deciso di uscire dall’ufficio postale all’interno del quale si era barricato, assieme ad un ostaggio a cui puntava la pistola e che usava come scudo, ma vistosi accerchiato ha subito deciso di abbandonare l’ostaggio e darsi alla fuga per le vie circostanti. È quindi iniziato un repentino inseguimento del rapinatore da parte dei Carabinieri, il quale dopo aver tentato di nascondersi all’interno di un fondo agricolo è stato nuovamente accerchiato e catturato. 

L’arrestato, che aveva con sé circa 13000 euro, somma recuperata e restituita all’ufficio postale, è stato infine accompagnato presso i locali della Compagnia Carabinieri per le formalità di rito e associato poi in carcere così come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Condividi

Lascia un commento

Nome
Email
Sito web