Sport. Il calcio dilettantistico siciliano rischia lo stop per covid.

Sul calcio dilettantistico siciliano incombe la sospensione dell’attività agonistica. Una decisione ufficiale sarà presa nella prossima riunione del Comitato regionale Sicilia convocata dal presidente Sandro Morgana nei prossimi giorni della settimana. Il diffondersi del virus a causa della variante Omicron e le positività già registrate all’interno di numerose società del mondo dilettantistico regionale, dall’Eccellenza alla Terza Categoria, inducono alla massima prudenza. Un primo segnale dal Comitato regionale è arrivato dall’annullamento della rappresentativa regionale Juniores in programma giovedì scorso a Pergusa ufficialmente per motivi organizzativi ma sostanzialmente dovuta alla necessità di procedere con cautela per preservare i giovani e le società di provenienza. E’ difficile dunque che domenica 9 ripartano i campionati dilettanti con la disputa della prima giornata di ritorno dei vari campionati. Dall’Eccellenza alla Terza Categoria si prevede uno slittamento in attesa di capire come possa evolversi la pandemia. Una delle ipotesi in discussione è di rinviare il tutto a domenica 23 gennaio ma di consentire almeno le partite di recupero e gli allenamenti. Da vedere se il turno di Coppa Italia in calendario per mercoledì 5 rientrerà anche nella sospensione visto che coinvolge un numero minimo di squadre. Il presidente Sandro Morgana si è sempre detto fiducioso nel portare avanti l’attività calcistica in Sicilia ed ha rivendicato al Comitato regionale la determinazione e la volontà di riprendere regolarmente i campionati dopo due anni difficili ma difronte ad una situazione epidemiologica delicata non potrà che prendere atto e rinviare come peraltro già avvenuto in Lombardia, Veneto e Toscana.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: