Corsa contro il tempo da parte del Governo per salvare la raffineria Lukoil di Priolo Gargallo dalla possibile chiusura.

Dal 5 dicembre prossimo, infatti, scatterà l’embargo che non permetterà le importazioni di petrolio dalla Russia e, in assenza di rifornimenti, l’impianto siciliano sarà costretto a fermare la produzione. In ballo vi è la sorte di migliaia di lavoratori dipendenti dell’azienda.

In occasione del recente incontro tra Regione Siciliana e il Ministero delle Imprese e del Made in Italy erano emerse la possibilità, per voce del ministro Adolfo Urso, di chiedere all’Europa una proroga dell’embargo o di procedere a un intervento dello Stato.

Meno percorribile, a quanto pare, la terza opzione che conduce al sostegno delle banche. Gli istituti di credito, al momento, non avrebbero ancora dato un parere positivo per la concessione dei prestiti. domani in CdM

La seconda soluzione sembra, dunque, essere quella più probabile, con il Governo intenzionato a presentare un provvedimento in tempi brevi.

La discussione potrebbe già finire sul tavolo del prossimo Consiglio dei Ministri che si terrà domani, giovedì 1° dicembre. Urso, nei giorni scorsi, aveva assicurato che l’esecutivo sarebbe intervenuto “in tempo congruo, in questa settimana“.

Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: