Sono ancora sotto choc, i testimoni diretti del terribile incidente aereo avvenuto ieri, a Linguaglossa, alle pendici dell’Etna.

Ripresi un video, gli istanti prima dello schianto al suolo e poi l’esplosione del velivolo dei Vigili del Fuoco, con a bordo due persone. Il canadair dei vigili del fuoco è   precipitato nel corso di un servizio di spegnimento di un incendio in territorio di Linguaglossa. Il veivolo, partito da Lamezia Terme, era impegnato nelle operazioni di spegnimento di un incendio boschivo.

Chi sono le due vittime dell’incidente aereo a Linguaglossa

“Sono rammaricato e molto dispiaciuto per le due vittime dell’incidente a Linguaglossa. Le mie squadre hanno visto precipitare il Canadair, poi il fumo. L’aereo è completamente distrutto e, purtroppo, sembra che non ci sia nulla da fare”. Così all’Italpress il direttore della Protezione civile della Sicilia, Salvo Cocina, parlando dell’incidente.

“Secondo una prima ricostruzione – afferma Cocina – il velivolo avrebbe sbattuto con un’ala nella montagna andando a fuoco a causa del carburante presente al suo interno”. A bordo del canadair c’erano due piloti. Le squadre della Protezione civile sono sul posto, ma il luogo è molto scosceso. “Le due vittime – aggiunge -, entrambe della Protezione civile nazionale, erano in servizio per conto della società appaltante Babcock”.

“Ci sono state diverse esplosioni dopo che il canadair è caduto. L’aereo è distrutto e i vigili del fuoco stanno cercando i due piloti” dice Salvatore Cocina direttore della protezione civile regionale. “Abbiamo subito avvisato il presidente della Regione Renato Schifani di quanto successo. Il presidente sta seguendo da vicino quanto successo alle pendici dell’Etna – aggiunge Cocina – I due piloti sono della società Babcock che fornisce il servizio dei canadair in Italia”.

Piloti ancora dispersi

Più passano le ore e più sembra difficile che possano essere trovati vivi. ” I piloti non sono stati trovati – conferma Giovanni Salerno direttore del Corpo Forestale della Regione Siciliana – Io sono qui e la zona è impervia e completamente al buio. All’alba sono riprese le ricerche. Impegnati anche i forestali”.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: