Nella mattinata di ieri, agenti delle Volanti della Questura di Siracusa hanno arrestato un uomo di 32 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari, per i reati di resistenza, minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale.
Gli uomini diretti dalla dott.ssa Guarino erano intervenuti a casa dell’arrestato per effettuare un rituale controllo quando l’uomo, infastidito dalla presenza dei Poliziotti inveiva contro di loro e li minacciava.
Dopo le incombenze di legge il trentaduenne, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente, è stato posto nuovamente ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

Inoltre, analogo episodio è accaduto nel pomeriggio quando, a seguito di una segnalazione di lite a casa di un altro arrestato domiciliare, l’uomo, un giovane di 27 anni, opponeva una strenua resistenza al controllo dei Poliziotti e, dopo che veniva portato negli uffici della Questura, si rendeva protagonista di gravi episodi di insofferenza colpendo con calci e pugni la porta, le pareti della sala ove era ospitato e
le sedie.
Dopo le incombenze di legge, il ventisettenne, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente, è stato posto nuovamente ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

Sempre nel pomeriggio di ieri, agenti delle Volanti hanno denunciato per detenzione ai fini dello spaccio di stupefacenti un giovane di 19 anni, trovato nella nota piazza dello spaccio di Via Santi Amato, in possesso di due dosi di hashish, 11 dosi di cocaina e 2 di crack, oltre a 9 euro e 50 centesimi probabile provento dell’attività di spaccio.

Infine, Agenti della Squadra Mobile di Siracusa hanno eseguito un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica di Siracusa, nei confronti di un siracusano di 43 anni. L’uomo, condannato per aver commesso una tentata rapina nel maggio del 2019 a Siracusa, deve ancora espiare di 2 anni, 6 mesi e 26 giorni di carcere e pagare una pena pecuniaria di 3000 euro.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: