Dal 31 marzo, scadrà il decreto di emergenza (stato d’emergenza) per la pandemia da Covid e, gradatamente, diremo addio a una serie di restrizioni che hanno caratterizzato la nostra vita sociale negli ultimi due anni di pandemia. Ma l’iter sarà graduale, si procederà per tappe e sempre tenendo presente che, da qui a pochi giorni, potrebbero esserci dei cambiamenti qualora il governo decida di rivedere qualcosa, visto il nuovo aumento di positivi.

Stop ai colori delle regioni

Vediamo di fare un dettaglio. Dal 31 marzo decadrà innanzitutto la colorazione delle regioni in base ai contagi e soprattutto l’incidenza dei ricoveri negli ospedali. Tutta l’Italia tornerà in bianco e decadranno anche le ultime restrizioni.

Stop al Super Green pass sul lavoro

Inoltre non dovrebbe essere più obbligatorio il super green pass sul lavoro e basterà quello base. per i non vaccinati decadrà anche l’obbligo di super green pass all’aperto, per le attività di ristorazione e ancora all’interno per accedere in uffici pubblici, banche, poste….Verranno tolte anche le limitazioni nei palazzetti dello sport e negli stadi che torneranno a capienza del 100%.

Finisce la quarantena per i non contagiati

Inoltre non sarà pià necessaria la quarantena per quelle persone – anche le vaccinate con tripla dose – che sono entrate a stretto contatto con un positivo e questa sarà obbligatoria soltanto per i positivi conclamati. Lo stesso varrà per le scuole dove la didattica a distanza varrà soltanto per chi è risultato positivo.

Covid, la Sicilia torna oltre i mille casi al giorno: impennata anche nei  ricoveri - Giornale di Sicilia

La svolta del primo maggio

Dal primo maggio, che coincide con la Festa dei lavoratori, sarà anche una festa speriamo di addio – salvo marce indietro – per le mascherine che non saranno più obbligatorie anche al chiuso. Anche per il green pass sarà decreta la fine e infatti il documento, divenuto alla stregua di una carta di identità, andrà in archivio e potrebbe rimanere soltanto per alcune strutture sanitarie come ospedali e quelle di ricovero anziani come le Rsa, dove l’attenzione dovrà essere mantenuta perché l’Omicron tre, consorella di Omicron, potrebbe provocare ancora seri problemi nei soggetti anziani e più fragili.

Da giugno scade l’obbligo vaccinale

Per tutte le categorie a giugno scadranno le restrizioni. E, quindi, per over 50forze dell’ordine e personale scolastico non sarà più obbligatoria la vaccinazione o il tampone per accedere nei posti di lavoro. Si porrà fine anche, al contempo, al proliferare di postazioni per effettuare tamponi giornalieri e – come ha detto qualche mese fa il primario infettivologo catanese, Bruno Cacopardo- si eviterà che l’Italia si tramuti in “una Repubblica fondata sul tampone”.

Coronavirus, impennata in Sicilia: 400 nuovi casi. Catania la più colpita -  Giornale di Sicilia

Crescono i contagi

Sul piano sanitario continuano, però, a crescere i contagi e gli esperti raccomandano prudenza perché potrebbero esserci novità non certo positive nei prossimi mesi a causa del “liberi tutti”. Negli ospedali siciliani si continua a procedere con estrema cautela e finora non si è deciso cosa fare a partire dal 31 marzo. Sulla carta decadranno anche le strutture commissariali e tutto tornerà in mano alle Asp e alle aziende ospedaliere che continueranno la battaglia contro il Covid gestendo personale, posti letto e presidio di protezione. Ci sarebbero, però, novità in arrivo dalla Regione.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: