L’errore di Gabriel Fontana a 7 secondi dalla fine sul rigore è stato lo specchio di una gara thrilling. Vinta dall’Aretusa 26-25 al termine di un match dalle mille emozioni. Aretusa avanti anche di quattro reti nella prima frazione, poi sotto di altrettante nella ripresa ma capace di risalire fino a rimettere il muso avanti negli ultimi 5′ di gioco. Il momento topico a metà ripresa quando Savino è stato espulso definitivamente e poco dopo Izzi ha trovato il 21 pari con palla che è sbattuta sotto la traversa e varcato la linea su indicazione del direttore di gara. Conversano si è innervosito e l’Aretusa, trascinata proprio da Izzi e Gelo nel finale si è stretta e condotto con il colpo di coda di Lorenzo Carnemolla che ha parato il rigore al giocatore più prolifico di Conversano.

La prima frazione era trascorsa sul filo dell’equilibrio anche se l’Aretusa era stata per certi frangenti pure sul +4 quando ha sfruttato le parate di Carnemolla e la fluidità del gioco che ha portato alle conclusioni vincenti di Yatawarage (capocannoniere del torneo con 32 reti) e Giuliano, “liberati” dalla regia di gioco di Santoro, abile spesso a pescare i compagni fra le linee della difesa pugliese. Ma la squadra di Brandi non ha mollato ed ha approfittato di alcuni errori a conclusione dei padroni di casa rifacendosi sotto e andando addirittura avanti a 2’ dal termine, riuscendo poi a chiudere la prima frazione in vantaggio di un gol.

Nella ripresa la squadra di Izzi è sembrata ancora accusare il colpo e complice alcuni errori sembrava essere sparita dal match. Ma lo stesso allenatore, in due time-out ha ricompattato la squadra per un finale emozionante che ha permesso all’Aretusa di vincere la seconda gara in due incontri a Siracusa e portarsi al secondo posto in compagnia del Ragusa.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: