Con l’approvazione del Dl Aiuti bis in Parlamento, è arrivato l’accordo sullo sblocco della cessione dei crediti d’imposta previsti dal Superbonus 110% e per nuove operazioni.

Nelle settimane precedenti erano maturate delle difficoltà proprio sul tema del meccanismo di cessione dei crediti.

Ciononostante, a seguito di un ulteriore confronto tra i vari gruppi e il Governo, al quale ha preso parte anche il sottosegretario all’Economia, Federico Freni, è arrivata modifica all’emendamento che ha messo daccordo tutte le parti.

Stamane è atteso un nuovo voto al Senato per la conversione in legge del Dl Aiuti bis.

Ma quali sono tutte le novità relative al Superbonus 110% e quali sono le scadenze che devono essere rispettate? Scopriamole insieme.

Superbonus 110%, nuove regole su responsabilità

Come detto, particolari difficoltà erano emerse in occasione del meccanismo della cessione del credito.

Adesso, con la nuova norma approvata prima in Senato e poi alla Camera, è stato stabilito che la responsabilità in solido nella cessione dei crediti dei bonus edilizi e Superbonus si configura solo se il concorso nella violazione avviene “con dolo o colpa grave”.

Sarà, comunque, necessario acquisire la documentazione di asseverazione “ora per allora”. In parole povere, potrà essere sanzionato solamente chi avrà compiuto azioni fraudolente ai danni dello Stato. Inoltre, la condotta fraudolenta dovrà essere dimostrata.

L’effetto retroattivo della norma

La norma avrà anche effetto retroattivo. Pertanto, verranno considerate anche tutte le operazioni che saranno portate avanti a partire dal 21 novembre 2021, data nella quale è entrato in vigore il Decreto Anti-Frode.

La stretta si è ritenuta necessaria a seguito delle verifiche che hanno portato alla scoperta di frodi per 6 miliardi di euro sul Superbonus e non solo.

Pertanto, il Governo ha chiesto alle banche di prestare maggiore attenzione alle cessioni del credito.

Superbonus 110% le scadenze da rispettare

In questi giorni è però scattata la corsa contro il tempo per riuscire a ottenere la detrazione fino alla conclusione dell’anno 2022.

Una data da cerchiare in rosso è quella del 30 settembre 2022, entro la quale deve essere portato a termine almeno il 30% dei lavori da effettuare.

In caso di mancato completamento dei lavori entro quella data, sarà possibile usufruire del Superbonus 110% soltanto per quelle spese sostenute entro il 30 giugno 2022. Per tutte le altre sarà possibile utilizzare gli altri Bonus edilizi.

Condividi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: